L'INGANNO

Aeroporto dei Parchi: dopo sei anni il Comune sloggia la Xpress

Risolto il contratto di concessione, disattese le aspettative e le roboanti promesse della vigilia

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

213


L’AQUILA.  Il Comune dell'Aquila ha revocato la concessione dell'Aeroporto dei Parchi alla societa' Xpress.

Lo ha reso noto l'assessore ai Trasporti, Carla Mannetti, nel corso di una conferenza stampa che si e' tenuta stamani.

La gestione era stata affidata alla societa' nel luglio 2012, in seguito a una gara.

«Abbiamo sempre contestato alla precedente amministrazione il modo in cui era stata gestita questa operazione - ha spiegato Mannetti nel corso dell'incontro con i giornalisti - tuttavia, subito dopo il nostro insediamento, a partire da settembre dello scorso anno, abbiamo cercato di avviare un dialogo con l'Xpress 'carte alla mano'. In particolare, abbiamo chiesto alla societa' una relazione sullo stato di attuazione del programma di intervento per l'annualita' 2015-2016 esattamente un anno fa, ricevendo delle informazioni insufficienti. Da allora abbiamo avviato un monitoraggio costante e continuo sulla questione (non c'e' stata alcuna inerzia da parte nostra su questo delicato argomento), finche', tra le altre cose, nel giugno scorso e' stato eseguito un sopralluogo sulla struttura».


I nostri tecnici hanno così riscontrato una situazione generale di abbandono: erba infestante, un mezzo antincendio abbandonato davanti all'hangar, locali vuoti.

Di qui la revoca.


Nella conferenza stampa di stamani, l'assessore Mannetti era assistita da Domenico de Nardis e Fabrizio De Carolis, rispettivamente dirigente e funzionario del settore comunale della Rigenerazione urbana, la struttura all'interno della quale e' collocato il sistema dei trasporti.


Nel provvedimento di revoca, firmato da de Nardis, si legge, tra le altre cose, che il rapporto con l'Xpress «partito da una concessione in vista dello sviluppo dello scalo, si e' invece risolto in una assai limitata attivita' di custodia e di assistenza a pochi voli di aviazione generale».

Nell'atto, inoltre, viene richiamata la scoperta di una discarica abusiva nel sedime dell'aeroporto che ha sede nella frazione aquilana di Preturo, venuta alla luce in seguito a un intervento delle forze dell'ordine nell'ottobre 2014.

Questa vicenda, sommata agli inadempimenti contestati con il provvedimento di revoca, hanno portato l'avvocato de Nardis a non escludere la possibilita' che il Comune possa procedere con un'azione di risarcimento danni nei confronti della societa'.


«E' nostra intenzione far gestire temporaneamente lo scalo a una societa' partecipata - ha aggiunto l'assessore Mannetti - in attesa di avviare un'altra procedura per la concessione definitiva. Inoltre, l'amministrazione comunale lavorera' nella direzione di svolgere e potenziare le attivita' compatibili con una struttura come quella dell'Aeroporto dei Parchi, come la scuola di volo (gia' esistente negli anni scorso), la protezione civile e il turismo».