IL PROCESSO

Ortona, uccise moglie e amica: Pm chiede ergastolo

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

337

CHIETI.  Il pm Giancarlo Ciani ha chiesto la condanna all'ergastolo per Francesco Marfisi, il 51enne che il 13 aprile dell'anno scorso uccise con numerose coltellate la moglie Letizia Primiterra e l'amica di lei, Laura Pezzella.

Il processo si sta tenendo in Tribunale a Chieti dinanzi al giudice Isabella Maria Allieri con il rito abbreviato. Il processo riprenderà il 27 giugno con la replica dell'accusa, quindi il giudice si ritirerà per la sentenza.

Marfisi, che secondo la perizia disposta dal giudice era pienamente capace di intendere e di volere al momento del fatto, ha lasciato l'aula per tornare in carcere a Pescara dove è recluso, mentre era ancora in corso la ricostruzione dei fatti da parte dell'accusa perché, come ha riferito al termine dell'udienza il suo difensore, l'avvocato Rocco Giancristoforo, manifestava conati di vomito e uno stato d'ansia fortissimo.

Secondo il Pm si trattò di un duplice e omicidio premeditato, maturato in un crescendo iniziato già nel dicembre 2016 ed animato dalla volontà di porre fine alla vita di entrambe le donne per la relazione che si era instaurata fra di loro.

 

Per la difesa, che nel suo intervento ha puntato soprattutto a dimostrare l'inesistenza di alcune aggravati, non ci fu premeditazione perché dalla condotta tenuta quel giorno da Marfisi non traspaiono gli elementi della pre organizzazione né ideale né cronologica, dei delitti.

Ma per la difesa non è configurabile neppure un'altra delle aggravanti, la crudeltà, perché tutti i colpi inferti alle due donne erano potenzialmente mortali e inferti in parti vitali, in un lasso di tempo molto breve ,e ripetuti, che si tratta, in realtà, di uno stato di ira violento ma non, ha sostenuto Giancristoforo, di crudeltà.

 

Le parti civili costituite, ovvero i famigliari delle due vittime, si sono associate alle richiesta dell'accusa per quanto riguarda la condanna in sede penale mentre dal punto di vista delle richieste risarcitorie chiedono complessivamente a Marfisi danni per oltre 3 milioni di euro.