IN TRASFERTA

Assalto al bancomat e poi fuga nelle campagne: dopo sparatoria arrestati in cinque

E’ successo stanotte a Piane D’Archi in Val di Sangro. Alle 3 finisce la scorribanda dei pugliesi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2605

 

CHIETI. Sparatoria nella notte a Piane d'Archi in Val Sangro tra i carabinieri e i componenti di una banda di malviventi pugliese.

Alla fine sono stati arrestati in cinque. Uno è rimasto ferito alla gamba e non in pericolo di vita.

I carabinieri hanno prima ingaggiato un lungo inseguimento poi culminato nella sparatoria dopo che avevano sventato un colpo al bancomat delle poste, già carico di esplosivo, ma non esploso.

I cinque arrestati sono della provincia di Foggia e puntavano a far saltare il bancomat dell’ufficio postale di Piane D'Archi, in provincia di Chieti.

Almeno uno della banda aveva un kalashnikov, arma potente e tra le più utilizzate al mondo, ed è stato ferito nel conflitto a fuoco. Si tratta di Massimiliano Lionetti, 46 anni di Cerignola, è stato raggiunto alla tibia da un proiettile che i militari avevano esploso contro il radiatore dell'auto.

Con Lionetti, che una volta ferito è stato abbandonato durante la fuga, sono stati arrestati, dopo un inseguimento a piedi nelle campagne di Casoli, Potito Diglio (36), e Francesco Reddavide (33), entrambi di Cerignola, Antonio Cataldo (39) e Cristoforo Aghilar (35) di Ortonova, tutti con precedenti specifici.

I cinque sono accusati di tentato omicidio, poiché durante le fuga hanno cercato di investire i militari, porto e detenzione illecita di esplosivi, tentato furto aggravato e ricettazione. L'indagine è coordinata dalla Procura della Repubblica di Lanciano ed è nata sulla scorta di una rapina in gioielleria commessa a Lanciano nei giorni scorsi e di un colpo sempre ai danni di un bancomat nella zona frentana.

I dettagli dell'operazione sono stati resi noti a Chieti dal comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Florimondo Forleo, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte i militari delle Compagnie di Lanciano e Atessa.

I fatti sono accaduti intorno alle 3 della scorsa notte quando quattro rapinatori hanno raggiunto a bordo di una Fiat Stilo vecchio modello, poi risultata rubata, il postamat appena ricaricato di 60 mila euro; un quinto complice li attendeva in un casolare di Casoli, base logistica della banda.

I malviventi avevano appena piazzato nel postamat una 'marmotta', un ordigno composto da 380 grammi di polvere pirica compressa, quando i militari, che avevano organizzato appostamenti e tenevano sotto controllo l'intera zona, sono intervenuti per scongiurare l'esplosione visto che sopra l'ufficio postale ci sono alcune abitazioni.


All'alt, dopo che uno dei malviventi ha mostrato l'arma innescando la sparatoria, l'auto dei rapinatori ha iniziato la fuga: nello stesso frangente sul posto è giunta un'altra auto, un'Alfa Romeo, con cinque giovani del posto, appena usciti da un'abitazione e che sono stati presi dal panico.

Accertata la loro estraneità i carabinieri si sono messi all'inseguimento della Stilo che i malviventi hanno poi abbandonato poiché inservibile, tentando la fuga nella campagne: il primo ad essere arrestato è stato Leonetti, quindi tutti gli altri.

Nella zona frentana e chietina da molti mesi sono stati presi di mira i bancomat delle filiali locali con il metodo della “marmotta” dunque con esplosioni e migliaia di euro rubati tanto da indurre alcuni istituti bancari a chiudere definitivamente il servizio.

Non si esclude che gli arrestati di oggi possano aver messo a segno altri colpi nella zona visto che il modus operandi è molto simile a molti altri colpi.