LA FIRMA

Ricerca scientifica, firmata convenzione tra Regione e Istituto Nazionale Fisica Nucleare

Obiettivo dell’intesa creare sinergia tra mondo scientifico e impresa

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

93

ABRUZZO. E’ stata firmata ieri, durante una conferenza stampa a Palazzo Silone, la convenzione tra Regione Abruzzo e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per l’intervento nel Masterplan relativo al Progetto DarkSide-20k.

L’Intervento, che vede coinvolti sul territorio i Laboratori Nazionali del Gran Sasso con la partecipazione del Gran Sasso Science Institute e dell’Università degli Studi dell’Aquila, è stato presentato dal Vicepresidente della Regione Giovanni Lolli e dal Presidente dell’INFN Fernando Ferroni.

L’obiettivo dell’intervento è creare una sinergia tra il mondo scientifico e l’impresa - attraverso progetti di ricerca, dottorati e assegni di ricerca – in cui saranno protagonisti i giovani che troveranno nella NOA un luogo unico per la loro formazione e professionalizzazione in ambito tecnologico. Si tratta di un programma di formazione ad altissima specializzazione post laurea che offrirà agli studenti la possibilità di trovare uno sbocco lavorativo di tipo industriale e tecnologicamente avanzato.

Ha dichiarato il vicepresidente Lolli: «Oggi compiamo un altro passo in avanti col quale consolidiamo una strategia industriale che punta sulla ricerca e che vuol fare dell’Abruzzo una Regione capace di investire sulla conoscenza, la ricerca, la qualità dell’innovazione. Le eccellenze scientifiche e tecnologiche regionali, messe a sistema, sono un patrimonio enorme su cui puntare».

«La ricerca di base condotta dall’INFN – sottolinea Fernando Ferroni, presidente dell’INFN – interseca sempre più la realtà culturale e produttiva del Paese, grazie anche al conseguente sviluppo di nuove tecnologie, che portano alla realizzazione di prodotti innovativi destinati al mercato internazionale. Grazie a queste importanti risorse sarà così possibile formare nuove figure professionali, in grado di dare il loro importante contributo alla crescita della conoscenza, della tecnologia e dell’economia del nostro Paese».

«L’attenzione di oggi – commenta Stefano Ragazzi, direttore dei LNGS – è al trasferimento rapido ed efficace delle conoscenze e degli sviluppi tecnologici alla società e al territorio. Se fossimo solo concentrati sulla ricerca di base e trascurassimo il ritorno al territorio, mancheremmo metà dei nostri obiettivi».

ALTA FORMAZIONE

L’alta formazione si svolgerà nell’ambito del futuro progetto DarkSide-20k che, come ha sottolineato nel suo intervento il responsabile Cristiano Galbiati, sarà un esperimento per la ricerca diretta di materia oscura di carattere altamente innovativo e quindi molto competitivo a livello internazionale. L’implementazione del progetto scientifico DarkSide-20k richiederà, infatti, la costruzione di una nuova infrastruttura industriale di ricerca per l’assemblaggio di fotosensori al silicio, che diventa parte integrante dei LNGS e che, una volta completato il progetto, rappresenterà un nucleo per nuove realtà produttive.

Insieme agli altri servizi di alta tecnologia dei LNGS (meccanica avanzata, elettronica criogenica, laboratorio di bassa attività, laboratorio di chimica), la NOA costituirà una facility per start-up e un hub tecnologico avanzato dove imprese e centri di ricerca potranno trovare tecnologie e strumentazioni all’avanguardia.

«La NOA – spiega Aldo Ianni, direttore del laboratorio sotterraneo di Canfranc (Spagna), incarico che lascerà a breve per assumere quello della struttura –  è una nuova infrastruttura per i Laboratori del Gran Sasso, che potenzia il settore della ricerca e dell’industria. Il progetto prevede un polo tecnologico unico nel suo genere, che offre una preziosa ed esclusiva occasione per la formazione di giovani tecnici, ingegneri e ricercatori. Ringrazio l’INFN per l’opportunità offertami e come abruzzese sono fortemente convinto che la NOA sia una grande scelta per potenziare e accrescere il livello culturale e tecnologico del nostro territorio».

L’affiancamento di giovani a ricercatori e tecnologi senior già specializzati nelle varie discipline in un contesto internazionale permetterà di formare una nuova generazione di tecnici e laureati specializzati a beneficio della crescita culturale, economica e sociale del territorio.