L'INIZIATIVA

Il M5s si taglia lo stipendio e compra una turbina spalaneve per la Regione Abruzzo

Oggi la consegna a L'Aquila con Luigi Di Maio

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3175

ABRUZZO. «Guardiamo al futuro! L’Abruzzo deve andare avanti».

Questo il messaggio dei consiglieri regionali del M5S che questa mattina hanno donato, alla presenza del Vice presidente della Camera Luigi Di Maio e dei parlamentari abruzzesi, una turbina spalaneve al Servizio emergenze di Protezione Civile di Regione Abruzzo.
«Le abbondanti nevicate dello scorso gennaio hanno messo in luce tutte le fragilità di una regione che non ha mezzi e infrastrutture adeguate ad affrontare le emergenze climatiche, neanche quando queste sono ampiamente previste. La turbina, acquistata con una buona parte del fondo alimentato con il taglio dei nostri stipendi, sarà offerta dalla regione alle quattro province in comodato d’uso gratuito» spiegano i consiglieri Sara Marcozzi, Riccardo Mercante, Pietro Smargiassi, Domenico Pettinari e Gianluca Ranieri.


La donazione della turbina segue la precedente iniziativa dei consiglieri 5 stelle che, grazie al dimezzamento dei loro stipendi, hanno creato un fondo di garanzia per le piccole e medie imprese che, ad oggi, ha già finanziato oltre 40 imprese abruzzesi.
Luigi Di Maio, presente alla consegna della turbina, poi in visita presso la Centrale Operativa della Protezione Civile ha commentato: «Nel giorno in cui i consiglieri regionali del m5s donano alla protezione civile una turbina spalaneve, il Presidente della Regione Luciano D’Alfonso viene indagato per corruzione e turbativa d’asta. Io ringrazio tutti i consiglieri regionali dell’Abruzzo, tutti gli uomini della Protezione Civile. Noi dall’opposizione stiamo provando a fare atti di Governo, dateci l’opportunità di governare e quello che applichiamo noi lo possiamo fare a tutti gli altri con una legge».

La fattura d'acquisto
LA FATTURA

«Riteniamo», hanno detto i consiglieri regionali, «che l’Abruzzo abbia bisogno di amministratori che taglino gli sprechi, quelli veri, e si battano contro il consumo del suolo. Abbiamo bisogno di amministratori attenti alla manutenzione di strutture e impianti, che tendano a un modello energetico che guardi al futuro. Il nostro territorio non permette di lasciare nulla al caso: siamo ricchi di splendide montagne, ma queste sono popolate da migliaia di cittadini che abitano località difficilmente raggiungibili da mezzi ordinari in caso di emergenza. E’ tempo di agire con ogni mezzo, per questo motivo abbiamo deciso di aiutare l'Abruzzo per il futuro, con un nostro piccolo grande contributo. Le giornate che abbiamo vissuto durante lo scorso gennaio non devono verificarsi mai più. Abbiamo scelto un aiuto concreto alla prevenzione, con l’auspicio che possa fungere da sprone per la difesa e la tutela dei cittadini in ogni circostanza, soprattutto nei momenti più difficili. Oggi partiamo da questo. Per noi oggi è tempo di agire».

«Riteniamo», hanno detto i consiglieri regionali, «che l’Abruzzo abbia bisogno di amministratori che taglino gli sprechi, quelli veri, e si battano contro il consumo del suolo. Abbiamo bisogno di amministratori attenti alla manutenzione di strutture e impianti, che tendano a un modello energetico che guardi al futuro. Il nostro territorio non permette di lasciare nulla al caso: siamo ricchi di splendide montagne, ma queste sono popolate da migliaia di cittadini che abitano località difficilmente raggiungibili da mezzi ordinari in caso di emergenza. E’ tempo di agire con ogni mezzo, per questo motivo abbiamo deciso di aiutare l'Abruzzo per il futuro, con un nostro piccolo grande contributo. Le giornate che abbiamo vissuto durante lo scorso gennaio non devono verificarsi mai più. Abbiamo scelto un aiuto concreto alla prevenzione, con l’auspicio che possa fungere da sprone per la difesa e la tutela dei cittadini in ogni circostanza, soprattutto nei momenti più difficili. Oggi partiamo da questo. Per noi oggi è tempo di agire».



Ed ancora Luigi DI Maio: «Qui, in Abruzzo, hanno investito in Microcredito nella prima fase e adesso in una Turbina, quindi nella sicurezza per i cittadini. Io sono orgoglioso di questo sono qui per testimoniare che noi non facciamo parole ma facciamo fatti, questa è l’idea di Governo, ora l’unica cosa che dobbiamo fare, sia a livello locale che nazionale, è chiedere di far esprimere di nuovo i cittadini nelle elezioni del Parlamento. Una maggioranza che è ispirata da valori come quello che testimoniamo ancora una volta oggi, all’interno del Parlamento può invertire la rotta».