Young Man In Bathroom Worried About Premature Receding Hairline

È noto che esistano diverse motivazioni e/o patologie alla base della perdita di capelli. Queste possono essere di diversa natura: dalle cause fisiche a quelle psicologiche. In ogni caso, purtroppo, almeno che non si tratti di una fase transitoria, non è possibile guarire e non è possibile riacquisire i capelli perduti. In questi casi, l'unica soluzione è optare per trapianto di capelli.

La caduta dei capelli colpisce sia gli uomini che le donne e può essere ugualmente devastante per entrambi.

L'alopecia androgenetica o calvizie maschile è responsabile della maggior parte della calvizie negli uomini. Anche se, come dicevamo, sono molti i motivi per cui le persone perdono i capelli; tra queste malattie gravi, reazioni a determinati farmaci e, in rari casi, eventi estremamente stressanti. Ma la maggior parte della perdita di capelli negli uomini (oltre il 90%) può essere attribuita all'ereditarietà.

L’alopecia androgenetica: le cause

Chi soffre di alopecia androgenetica eredita in realtà follicoli piliferi con una sensibilità genetica al diidrotestosterone (DHT). Il numero e la posizione di questi capelli sensibili sono determinati dalla genetica ereditata da entrambi i genitori. I follicoli piliferi sensibili al DHT iniziano a miniaturizzarsi, riducendo la durata di vita di ciascun follicolo pilifero interessato. Il follicolo pilifero ha un ciclo di vita. In termini semplici, questo ciclo consiste in una fase di crescita e in una fase di riposo. Prima che si verifichi la caduta dei capelli, la fase di crescita dura fino a sette anni e la fase di riposo da tre a quattro mesi. La calvizie genetica provoca l'inversione delle fasi del ciclo vitale (cioè la fase di crescita diventa sempre più breve e la fase di riposo più lunga). Alla fine, i follicoli colpiti smettono di produrre capelli visibili.

Come si manifesta?

L’alopecia androgenetica è generalmente caratterizzata dalla comparsa di una stempiatura e di un diradamento della chioma. I capelli in queste aree, ma anche nelle tempie e nel cuoio capelluto medio-anteriore, sembrano essere i più sensibili al DHT. Questo modello progredisce infine in una calvizie più estesa su tutta la parte superiore del cuoio capelluto, lasciando solo un bordo o un ferro di cavallo di capelli. Per alcuni uomini anche questo bordo di capelli residuo può essere influenzato dal DHT.

Il diidrotestosterone è un derivato o sottoprodotto del testosterone. Il testosterone si converte in DHT con l'aiuto dell'enzima di tipo II 5-alfa-reduttasi, che si trova nelle ghiandole oleifere dei follicoli piliferi. Sebbene l'intero processo genetico dell'MPHL non sia completamente compreso, gli scienziati sanno che il DHT riduce i follicoli piliferi e che quando il DHT viene soppresso, i follicoli piliferi continuano a prosperare. I follicoli piliferi sensibili al DHT devono essere esposti all'ormone per un periodo di tempo prolungato affinché il follicolo colpito completi il processo di miniaturizzazione.

La diagnosi

La MPHL tipica viene solitamente diagnosticata in base all'aspetto e al modello della perdita di capelli, insieme a un'anamnesi medica dettagliata, che comprende domande sulla prevalenza della perdita di capelli nella famiglia del paziente. Un medico esperto in perdita di capelli esaminerà il cuoio capelluto sotto ingrandimento (preferibilmente con un dispositivo chiamato densitometro o folliscopio), al fine di valutare il grado di miniaturizzazione dei follicoli piliferi. Questa valutazione può essere molto importante per consigliare il percorso da seguire, anche se come sappiamo, non ci sono molti rimedi se non il trapianto di capelli.

Come funziona il trapianto di capelli?

Il trapianto di capelli consiste nel trasferire i capelli (innesto) da un'area del cuoio capelluto con una buona crescita di capelli (chiamata area donatrice) a punti diradati o calvi (sito ricevente). Le tecniche sono cambiate da quando la procedura è stata introdotta e l'aspetto estetico è migliorato notevolmente rispetto agli antiestetici “tappi di capelli” di alcuni decenni fa. Oggi le persone che si sottopongono a un intervento di restauro dei capelli possono ottenere risultati dall'aspetto naturale.

Il chirurgo può eseguire l'intervento di trapianto di capelli mentre il paziente è sveglio e la testa è anestetizzata con un'anestesia locale. Esistono due tecniche per il trapianto di capelli:

  • Trapianto di unità follicolari (FUT)
  • Estrazione di unità follicolari (FUE)

Le unità follicolari sono gruppi naturali di 1-4 capelli insieme alle loro ghiandole oleifere (ghiandole sebacee) e ad altri tessuti connettivi. Sono più di un singolo follicolo pilifero; queste unità follicolari sono la base della maggior parte delle moderne tecniche di trapianto di capelli.

Trapianto di unità follicolari

Con la tipologia di trapianto FUT, il chirurgo rimuove una striscia di pelle del cuoio capelluto da un'area donatrice con crescita di capelli sani, di solito la parte posteriore della testa, dove non sarà visibile. Quindi rimuove meticolosamente le unità follicolari al microscopio: si tratta di un processo delicato, poiché devono essere rimosse con attenzione per evitare di rompere gli innesti di capelli. Quindi, lame sottili di bisturi o aghi perforano le aree riceventi, consentendo alle unità follicolari di essere trapiantate nelle loro nuove sedi. Infine, la ferita del sito donatore viene suturata, lasciando una cicatrice lineare.

Estrazione delle unità follicolari

È emersa una nuova tecnica in tempi più recenti: l'estrazione delle unità follicolari (FUE). Questa tecnica utilizza alcuni degli stessi principi della FUT, ma invece di rimuovere un'intera striscia di pelle e tagliare le unità follicolari, la procedura FUE rimuove le unità follicolari dal sito donatore singolarmente, utilizzando un piccolo dispositivo di punzonatura.

La maggior parte delle persone avrà bisogno di più sessioni di trapianto di diverse centinaia di unità follicolari per ottenere risultati soddisfacenti. In alternativa, la FUE può essere eseguita in un numero inferiore di “mega sessioni” che richiedono più tempo ma consentono al chirurgo di trapiantare 2.000-2.500 innesti in una sola seduta.

Costo del trapianto di capelli

Quando si decide se sottoporsi a un intervento di trapianto di capelli è necessario considerare il costo, poiché si tratta di un’operazione  non indispensabile e da sostenere privatamente. Per entrambe le tecniche, il costo è suddiviso in prezzo per innesto.

Nel caso della FUT, la tariffa può essere di soli 2 euro per innesto/unità follicolare; il costo totale dipenderà dal numero di innesti necessari per ottenere il risultato desiderato. In media, la maggior parte delle persone ha bisogno di 700-1.500 innesti (a seconda del grado di perdita dei capelli), con un costo compreso tra 1.400 e 3.000 euro. Il costo varia anche in base al chirurgo scelto.

La FUE costa dai 3 ai 9 euro per innesto, per un prezzo compreso tra i 2.100 e i 13.500 euro. Anche in questo caso, il costo può dipendere dal chirurgo o dal centro in cui viene eseguito il trapianto di capelli.

Recupero dopo il trapianto di capelli

Dopo l'intervento, si può avvertire un certo dolore al cuoio capelluto e la testa verrà fasciata per tutta la notte. Una volta tolto il bendaggio, si potrà fare la doccia e si dovrà applicare della vaselina sul cuoio capelluto per mantenere la pelle umida. Potrebbero essere somministrati antibiotici e steroidi per ridurre il gonfiore e il rischio di infezione. È necessario evitare attività fisiche pesanti per due settimane dopo l'intervento (Zito, 2021).

About the Author

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.