Simile alla condizione femminile della menopausa, negli uomini l'andropausa è dovuta a un calo dei livelli di testosterone. Anche se spesso impercettibili, i sintomi possono prendere il sopravvento sul corpo col passare del tempo.

Gli uomini che sperimentano l'andropausa possono iniziare a notare sintomi fisici e psicologici meno chiaramente definiti. Un sintomo come un graduale aumento delle difficoltà erettili, una diminuzione del desiderio sessuale, un inspiegabile aumento di peso e altro ancora cominciano a fare capolino.

Per fortuna, esistono sia opzioni di trattamento che possono alleviare i sintomi fisici, sia quelli psicologici dell’andropausa.

Che cos'è l'andropausa?

La diagnosi di andropausa è di solito basata su una combinazione di impressione clinica e test di laboratorio.

Il punto di partenza per il medico che effettua la diagnosi è determinare se il testosterone del paziente è diminuito più del normale per gli uomini della sua età. In contrasto con la precipitosa e profonda diminuzione delle concentrazioni di estradiolo che si verifica quando le donne iniziano la menopausa, il testosterone degli uomini diminuisce gradualmente nell'arco di diversi decenni. In media, la concentrazione totale di testosterone diminuisce da una media di 600 ng per decilitro (20,8 nmol per litro) a 30 anni a una media di 400 ng per decilitro (13,9 nmol per litro) a 80 anni, anche se il range è ampio a tutte le età. A 80 anni, i livelli di ormone maschile in molti uomini sono scesi a uno stato pre-puberale.

Il test per la sindrome andropausale inizia con un test per il testosterone sierico totale somministrato al mattino quando il testosterone è generalmente al suo livello più alto della giornata.

Quanto dura l'andropausa?

Quanto dura l'andropausa?

Come sappiamo, il testosterone è il responsabile del desiderio sessuale e della resistenza, mentre il deidroepiandrosterone è noto come un intermedio metabolico. A causa di una cattiva alimentazione, stress, interventi chirurgici, mancanza di sonno, cattive abitudini, lesioni cerebrali, malattie e invecchiamento, i livelli di testosterone diminuiscono.

L'andropausa può essere affrontata con un'integrazione/sostituzione di testosterone. Con la natura riconquistata del corpo di un uomo, può recuperare i suoi aspetti sociali, sociali, fisici e ormonali. Questo può essere raccomandato soprattutto agli uomini che soffrono di osteoporosi, disfunzioni sessuali e malattie croniche per mantenere la composizione del corpo.

Quindi, l’andropausa può essere trattata per migliorarne i sintomi.

Al trattamento medico, dovrebbe seguire anche un cambiamento per ciò che riguarda lo stile di vita; quindi, seguire una dieta equilibrata, non fare vita sedentaria, non fumare o bere alcolici.

I sintomi dell'andropausa

L’andropausa generalmente si presenta con alcuni sintomi, come:

-Alterazioni del sistema circolatorio e nervoso (vampate di calore, sudorazione, insonnia e nervosismo);

-Cambiamenti nell'umore e nelle funzioni mentali (ansia, irritabilità, scarso sonno, stanchezza costante, scarsa memoria a breve termine e bassa autostima);

-Cambiamenti nella virilità (diminuzione dell'energia fisica, diminuzione della forza muscolare e incapacità di partecipare ad attività sportive);

-Diminuzione della funzione sessuale (desiderio sessuale ridotto, scarsa erezione e eiaculazione compromessa);

-Cambiamenti nell'aspetto fisico (aumento di peso addominale, perdita di peli sul corpo, diminuzione della massa muscolare e perdita di altezza);

-Cambiamenti nel metabolismo e nella chimica del corpo (aumento del colesterolo, aumento del grasso corporeo totale, osteoporosi e riduzione dei globuli rossi nel sangue).

Il fattore comune che sta dietro a questi sintomi è una riduzione dei livelli di testosterone attivo (ormone maschile) nel sangue con l'aumentare dell'età.

Allo stesso tempo, c'è un aumento del rischio di malattie cardiache, obesità, pressione alta e diabete. Tutti questi possono contribuire a problemi di salute. Il quadro generale associato all’andropausa è, quindi, molto complesso.

Qual è la diagnosi?

In generale, la durata della vita di un uomo è oggi più lunga di una volta. Questo ha portato ad un maggiore interesse nell'andropausa tra i ricercatori e i medici. Le opzioni di trattamento includono capsule orali, iniezioni e cerotti cutanei. F

ino ad oggi, sono stati osservati pochissimi effetti collaterali. La terapia con testosterone si è dimostrata efficace nell'alleviare i sintomi dell'andropausa, di solito entro tre o sei settimane. Molti uomini affermano di aver migliorato le prestazioni sessuali, ma anche di aver goduto di una sensazione di salute e vitalità insieme a un senso generale di benessere.

È importante rendersi conto che i cambiamenti nella libido, l'aumento della fatica e la diminuzione dell'agilità fisica sono anche sintomi dell’avanzare dell’età. Per questo motivo, una diagnosi di andropausa può essere trascurata. Dopo le prossime analisi del sangue e l'esame fisico, chiedete al vostro medico se potreste essere dei candidati adatto alla sostituzione del testosterone.

Chi sono le persone a rischio?

Chi soffre di malattie cardiovascolari già è più predisposto ad avere problemi relativi alle disfunzioni sessuali, come la disfunzione erettile. Inoltre, chi segue uno stile di vita sregolato, avrà sicuramente più problemi. Quindi, la raccomandazione è sempre quella di cercare di seguire una dieta sana ed equilibrata, fare movimento, e mettere da parte le cattive abitudini.

Quali sono i trattamenti adeguati?

Quali sono i trattamenti adeguati?

Se avete sintomi significativi e livelli ematici ridotti di testosterone attivo, la terapia sostitutiva del testosterone (TRT) dovrebbe essere considerata come uno dei trattamenti da seguire per alleviare i sintomi.

Il vostro medico vi consiglierà di modificare il vostro stile di vita trovando nuovi modi per alleviare lo stress, seguendo una dieta sana, dormendo molto, facendo esercizio regolarmente, limitando l'assunzione di alcol e smettendo di fumare.  Se i vostri sintomi sono particolarmente fastidiosi e non sono mitigati da questi consigli generali, il vostro medico potrebbe prendere in considerazione la sostituzione ormonale.

Testosterone

Terapia di sostituzione del testosterone

La terapia di sostituzione del testosterone dovrebbe essere considerata, quando i sintomi sono presenti e i livelli di testosterone sono bassi, per:

-Uomini con disfunzioni sessuali, cioè disfunzione erettile (impotenza), perdita di erezioni spontanee o basso desiderio sessuale (perdita della libido);

-Uomini con diabete di tipo 2;

-Uomini che sono in sovrappeso con un BMI superiore a 30, o una circonferenza della vita superiore a 102 cm;

-Uomini a rischio di effetti collaterali da oppioidi, antipsicotici o farmaci antiepilettici.

La terapia di sostituzione del testosterone può essere somministrata tramite compresse, iniezioni, gel o cerotti; la maggior parte degli uomini trova gli ultimi due più comodi. Il rischio di malattie cardiovascolari dovrebbe essere valutato prima e monitorato durante il trattamento. I livelli di testosterone nel sangue devono essere misurati regolarmente per assicurarsi che si mantengano nella norma.

Effetti collaterali

È improbabile che la terapia di sostituzione del testosterone causi il cancro alla prostata, e non ci sono prove che non sia sicuro se si ha un cancro alla prostata localizzato e a basso rischio. Tuttavia, può causare l'allargamento di una ghiandola prostatica benigna e questo può provocare sintomi fastidiosi. Il paziente dovrebbe sottoporsi a regolari test del PSA (antigene prostatico specifico) e ad esami rettali per monitorare la sua ghiandola prostatica se ha sintomi prostatici.

Anche i livelli di colesterolo e globuli rossi possono essere influenzati dalla terapia di sostituzione del testosterone e devono essere attentamente monitorati. Si può notare mal di testa, aumento di peso, acne e peggioramento della calvizie durante questa terapia.  È importante notare che, mentre i sintomi fastidiosi possono migliorare, i benefici a lungo termine del trattamento non sono noti con precisione.

La terapia sostitutiva del testosterone non dovrebbe essere prescritta nel caso siano presenti alcuni problemi, quindi informate il vostro medico se soffrite di una delle seguenti patologie:

-Cancro alla prostata ad alto rischio (avanzato);

-Sangue denso (sindromi da iperviscosità);

-Alta conta dei globuli rossi (volume delle cellule superiore al 50%);

-Apnea ostruttiva del sonno non trattata;

-Gravi sintomi prostatici;

-Insufficienza cardiaca di classe III o IV.

Informazioni sull'autore

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.

Visualizza tutti gli articoli