Curcuma: da dove viene? Quali sono i suoi benefici per la salute?

La curcuma si è guadagnata da un po’ un posto in pole position tra i super alimenti, insieme a Spirulina e semi di chia, per citarne qualcuno. Questo perché la curcuma offre diversi benefici per la salute, che non possono assolutamente lasciarci indifferenti.

Dal miglioramento della salute della pelle ai benefici antinfiammatori, la curcuma sembra essere efficace per combattere diverse malattie. Ma quali sono esattamente i benefici della curcuma e qual è il modo migliore e più efficace per prenderla?

La curcuma è stata collegata alla riduzione dell'infiammazione, che è forse il beneficio più noto della curcuma e che si dice che abbia incredibili proprietà antinfiammatorie. Questo è dovuto alla curcumina, il composto attivo della curcuma che le conferisce il suo colore giallo vibrante.

Come agisce sull’infiammazione?

L'infiammazione è un processo corporeo naturale che aiuta a proteggere da batteri, virus e lesioni e tutti hanno un certo livello di infiammazione acuta nel corpo, specialmente quelli che sono cronicamente stressati, hanno una dieta povera o vanno regolarmente in palestra. Tuttavia, se non viene trattata, l'infiammazione cronica è stata collegata a problemi di salute come:

-Diabete di tipo 1;

-Sindrome metabolica;

-Artrite reumatoide;

-Allergie;

-Malattie della pelle;

-Asma;

-Malattie del cervello come l'Alzheimer;

-Cancro.

Prendere un integratore di curcumina potrebbe aiutare a combattere l'infiammazione, sia acuta che cronica, riducendo il rischio di sviluppare certe patologie o aiutando a gestire i sintomi in coloro che già ne soffrono.

Ma come funziona la curcuma per l'infiammazione? Quando viene assunta nella sua forma più biodisponibile, la curcumina aiuta a soffocare le molecole responsabili dell'innesco dell'infiammazione, regolando il livello di infiammazione all'interno del corpo.

Che aspetto ha?

La curcuma, con il suo colore giallo oro brillante e il suo sapore floreale, caldo e leggermente muschiato, è uno dei sapori principali della cucina indiana e del sud-est asiatico. È ciò che dà al curry il suo colore giallo brillante ed è stato usato sia come spezia che come erba medicinale in India per migliaia di anni.

Dopo l’exploit degli ultimi anni, è possibile trovarla oltre che in polvere, sotto forma di tè, ma è possibile trovare anche latte alla curcuma, frullati e cibi speziati alla curcuma di tutti i tipi.

Come si può consumare la curcuma?

Come si può consumare la curcuma? Quali sono i suoi dosaggi?

Per attivare la curcumina (il composto chimico della curcuma che porta la maggior parte dei benefici), è possibile utilizzarla insieme al pepe nero. Tuttavia, il modo più efficace di assumere la curcuma è in forma liquida, poiché gli ingredienti sono più biodisponibili.

Infatti, gli studi hanno dimostrato che gli integratori liquidi impiegano da 1 a 4 minuti per essere utilizzati dal corpo, rispetto ai 20-30 minuti degli integratori in compresse, quindi i benefici degli integratori liquidi superano di gran lunga quelli in compresse.

Quindi, che voi stiate cercando di migliorare la salute della pelle o che voi stiate cercando di abbassare la tua pressione sanguigna, i benefici della curcuma possono aiutarvi con tutta una serie di problemi di salute.

Curcuma pericolosa: quali sono i suoi effetti collaterali?

Alcuni studi hanno mostrato che la curcumina può causare effetti collaterali gastrointestinali come diarrea e nausea. Questi effetti collaterali erano dipendenti dalla dose e quindi ridurre la dose può essere sufficiente per ridurre gli effetti negativi sullo stomaco.

La curcuma ha proprietà fluidificanti del sangue e molti farmaci hanno la stessa azione come l'aspirina, quindi non è consigliabile usare la curcumina se si prendono farmaci anti-coagulanti o anti-piastrinici.

La curcumina abbassa anche i livelli di glucosio nel sangue, quindi se avete il diabete e prendete dei farmaci la curcumina può causare un ulteriore abbassamento del livello di zucchero nel sangue con conseguente ipoglicemia.

Può anche essere stimolante per la cistifellea, facendo produrre al corpo più bile, quindi se avete calcoli biliari è meglio evitarla.

Nel complesso, la maggior parte degli studi ha mostrato che la curcumina è sicura in dosi inferiori a 8000 mg al giorno. Come linea guida generale, 2000 mg al giorno dovrebbero essere sufficienti per avere un effetto terapeutico.

Come consumare questa spezia in modo sicuro?

Alcuni studi hanno mostrato che la combinazione della curcuma con il pepe nero e una fonte di grasso, come l'olio d'oliva o di cocco, può migliorare l'assorbimento della curcumina da parte del corpo.

Gli usi culinari della curcuma sono infiniti!

Il sapore è abbastanza intenso, quindi iniziate con una piccola quantità e aumentatela una volta che vi siete abituati. Divertitevi a sperimentare con questa radice dorata. Assicuratevi solo di non rovesciarla sui vestiti, perché potrebbe non venire via.

Ecco qualche suggerimento sull’utilizzo della curcuma

La curcuma si può utilizzare in diversi modi:

-Nei frullati: usane 1 cucchiaino per insaporire leggermente. Aggiungete fino a 2 cucchiaini per un sapore più intenso. Includere l'olio di cocco nel frullato per aumentare l'assorbimento della curcuma.

-Qualsiasi ricetta: aggiungere 1-2 cucchiaini a qualsiasi ricetta come le zuppe. Darà un tocco di sapore e avrà anche una profonda tonalità dorata.

La curcuma dona sapori caldi a qualsiasi zuppa o stufato. Quando saltate le verdure nell'olio, aggiungete 1 cucchiaino di curcuma macinata.

Aggiungete un tocco di colore ai piatti di riso aggiungendo ½ cucchiaino di curcuma all'acqua di cottura del riso.

-Tè e infusi: quando preparate il tè, aggiungete ¼ di cucchiaino di curcuma alla vostra tazza prima di versare l'acqua calda. Si può anche semplicemente combinare la curcuma macinata con acqua calda per realizzare una tisana.

-Lenticchie o altri legumi: aggiungete un cucchiaino di curcuma al soffritto con cipolle, e olio d'oliva. Potete servirle così come sono, o combinare le lenticchie cotte con la quinoa cotta e farne delle polpette.

Pericolo curcuma

Pericolo curcuma: rispettare il suo dosaggio per un'assunzione sicura!

Quanta curcuma si dovrebbe prendere se la si consuma sotto forma di integratore? Secondo alcuni dei migliori esperti, la quantità esatta dipende in gran parte dal motivo per cui viene presa, o dalla patologia che si sta cercando di prevenire o trattare.

Per esempio, se prendete la curcuma per alleviare il dolore, l'infiammazione e la rigidità associate all'osteoartrite, si suggerisce di prendere 400-600 mg in capsule tre volte al giorno. Oppure, assumendolo al naturale, ovvero in polvere, non dovreste superare un totale di 3 grammi.

Se avete l'artrite reumatoide, la raccomandazione è di 500 mg due volte al giorno.

Secondo alcuni studi, se si prende la curcuma per la salute del cuore, quattro grammi di curcuminoidi al giorno, possono andar bene. Secondo uno studio in particolare sia prima che subito dopo l'innesto di bypass coronarico, i pazienti che hanno assunto quattro grammi di curcuma hanno avuto una minore incidenza di attacco di cuore perché i curcuminoidi hanno creato un effetto cardio protettivo.

La curcuma è stata anche considerata benefica per le malattie del cervello come l'Alzheimer. In questo caso, l'Università della California, Los Angeles' (UCLA) Alzheimer Translation Center suggerisce che la migliore quantità di dosaggio è circa 80 mg.

Informazioni sull'autore

Laura

Curiosa e competente, la nostra laureata in comunicazione e redattrice da più di 8 anni a primadanoi.it, ha già al suo attivo più di 100 progetti. Esperta e appassionata, usa le sue dieci dita magistralmente per redarre i suoi articoli.