SERIE B

Brugman salva il Pescara: con la Salernitana è 1-0

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

255

Brugman salva il Pescara: con la Salernitana è 1-0

PESCARA. Il Pescara non brilla ma supera 1-0 la Salernitana allo stadio Adriatico. Sufficiente ai biancazzurri, dopo una prestazione incolore per oltre un’ora di gioco, una punizione magistrale dal limite di Brugman.

Parte bene l’undici di Zeman che in avvio sorprende una Salernitana troppo contratta. Ci prova al 1’ senza fortuna  Valzania, poi il colpo di testa di Yamga al 5’ è troppo debole tra le braccia di Radunovic. Al 17’ la prima clamorosa chance della partita è per il Pescara. Salta la trappola del fuorigioco ospite, Pettinari serve all’indietro perfettamente per l’inserimento di Valzania che clamorosamente manca l’impatto con la sfera.

Al 21’ ottima giocata di Brugman in area per Yamga che capisce con ritardo le intenzioni del compagno. Al 24’ fiammata della Salernitana che sfiora il vantaggio. Da oltre 20 metri sinistro di Zito che esalta i riflessi di Fiorillo in corner.

Alla mezz’ora occasionissima per i padroni di casa con Pettinari che da 2 passi non riesce a superare Radunovic. Sulla ribattuta Mazzotta, sfortunato nel rimpallo, non riesce a tenere in gioco il pallone a porta praticamente sguarnita.

Nella ripresa scendono i ritmi e ad approfittarne è la Salernitana, ben contenta di un punto prezioso in ottica salvezza. Al 17’ episodio da moviola con un gol splendido di testa annullato a Pettinari per sospetta posizione di fuorigioco.

Col passare dei minuti è la Salernitana a farsi preferire. Al 24’ colpo di testa in area di Palombi con la palla che si spegne di poco sul fondo.

Quando tutto lasciava presagire ad uno 0-0 figlio di una brutta prestazione da parte di entrambe le squadre, al minuto 35 il Delfino trova l’episodio giusto per sbloccare la gara. Direttamente su calcio di punizione dal limite, Brugman cerca e trova il jolly: 1-0.

Al 37’ l’occasione del gol è ancora per il Pescara, con un tentativo in acrobazia di Brugman che sfiora il palo a portiere battuto.

Al 42’ Bunino tutto solo davanti a Radunovic spara malamente addosso al portiere la chance di chiudere la gara. È l’ultima emozione di una partita tutt’altro che entusiasmante ma importante per il Delfino, che con 3 punti preziosi muove la classifica e avvicina nuovamente la zona play-off dopo 2 sconfitte consecutive.

 



PESCARA-SALERNITANA 1-0 (primo tempo 0-0)

 

MARCATORI: 35’st Brugman (P).

PESCARA (4-3-3):  Fiorillo; Balzano, Gravillon, Perrotta, Mazzotta; Carraro (34’st Proietti), Valzania, Brugman; Mancuso, Pettinari (35’st Bunino), Yamga. A disposizione: Savelloni, Elizalde, Cocco, Campagnaro, Fiamozzi, Machin, Capone, Baez. Allenatore: Zeman.

SALERNITANA (3-5-2): Radunovic; Casasola, Schiavi (1’st Di Roberto), Monaco;  Pucino, Della Rocca (12’st Kiyine), Minala, Popescu, Zito (37’st Bocalon); Sprocati, Palombi. A disposizione: Adamonis, Russo, Vitale, Signorelli, Rosina, Tuia, Rossi. Allenatore: Colantuono.

ARBITRO: Daniele Martinelli della sezione di Roma2 (Cangiano-Dei Giudici).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 5mila spettatori con circa 500 sostenitori ospiti. Ammoniti: Schiavi, Carraro, Gravillon. Espulsi: nessuno. Recupero: 1’pt; 4’st.

 

Andrea Sacchini