IN CIMA

Giro d’Italia. Quintana vola alto sulla Majella. Polemiche per una caduta

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

913

Giro d’Italia. Quintana vola alto sulla Majella. Polemiche per una caduta



BLOCKHAUS (CHIETI). Nei pressi dell'eremo di San Bartolomeo in Legio, dove si ritirava Pietro da Morrone prima di diventare Celestino V, un 'Kondor' colombiano vola più alto di tutti e a un certo punto si ferma con l'aria di chi ha stravinto, quando mancano pochi chilometri alla vetta del Blockhaus, il gigante della Maiella. Ha il volto scavato di un anziano e si chiama Nairo Quintana: sa di averla fatta grossa, mettendo in crisi tutti i rivali e indossando con pieno merito la maglia rosa del 100/o Giro d'Italia.

Quintana arriva da durissimi allenamenti sulle Ande e oggi ha deciso d'imporsi in luoghi da asceti, che incorniciano un'ascesa estrema, affrontata dal versante più duro. Se è vero che la salita è innanzi tutto un viaggio dentro se stessi, allora la tappa odierna si può definire riservata ai mistici del pedale.

Sono loro che riescono a trasformare la sofferenza in estasi.



UNA CADUTA CHE FA DISCUTERE

Dopo una caduta provocata da una moto della polizia che - chissà per quale ragione - a 15 km dal traguardo, si trova sul bordo sinistro dElla carreggiata e coinvolge due big con ambizioni di classifica come gli Skymen Geraint Thomas e Mikel Landa, comunque giunti sul traguardo, sia pure a pezzi ("Ridicolo cadere in quel modo, certe cose non dovrebbero accadere", le parole del britannico), nella salita decisiva esplode la corsa. Nairo Quintana si toglie la maschera e mette due compagni davanti. Amador e Anacona lo trascinano a ritmi altissimi e poi si sfilano, lasciando spazio a chi ne ha.

A 9 km dal traguardo va in crisi la maglia rosa Bob Jungels, mentre ai -7,5 km restano in nove al comando. Quintana parte la prima volta ai -7,5 km, ma Vincenzo Nibali e Thibaut Pinot gli s'incollano alla ruota. Ai -6,5 scatta il francese, ma è un fuoco di paglia; Pinot ci riprova a 6,1 dall'arrivo, mentre Jungels viene segnalato a 53". Ai -5,8 parte ancora Quintana: ripreso. Ci riprova ai -5,3 km, poi ai -4,7 - quando la pendenza raggiunge il 14 per cento - ed è la fuga buona: quella che varrà la vittoria e la maglia rosa. Pinot e Nibali non riescono a far nulla, anzi il siciliano - ai -3,6 km - si arrende pure al francese e viene superato in seguito sia da Dumoulin sia da Mollema, piazzandosi al quinto posto con 1' di ritardo dal vincitore.
Giro d'Italia - Stage 9 - Highlights di giroditalia


La classifica vede adesso comandare Quintana, con 28" su Pinot, Dumoulin a 30", Mollema a 51" e Nibali a 1'10" La tappa, partita da Montenero di Bisaccia, ha regalato emozioni fin dall'inizio e già al 5/o chilometro sono partiti in in nove: Alexey Tstatevich, Mads Pedersen, Marco Marcato, Omar Fraile, Jan Tratnik, Matteo Montaguti, Luis Leon Sanchez, Matteo Busato e Iljo Keisse. Al 59/o km si sono aggiunti Pierre Rolland, Tomasz Marczynski e Sacha Modolo, che hanno provato a risalire posizioni.

A 10 km dall'inizio della salita, il gruppo torna compatto e, dopo la caduta dei... big, cominciano i fuochi d'artificio. Il Blockhaus produce distacchi, verdetti e una nuova maglia rosa. Che, probabilmente, Quintana dovrà svestire nella cronometro di dopodomani da Foligno a Montefalco; resta il fatto che il colombiano ha dimostrato di essere, in questo momento, il più forte in salita, confermando che, chi vuole mettere le mani sul Giro, dovrà prima fare i conti con lui. I giochi non sono chiusi e l'unico a farsi da parte sembra lo sfortunato Thomas che, a mente fredda, alza bandiera bianca, dichiarando che il suo Giro "is game over".


Giro d'Italia - Stage 9 - The Movie di giroditalia




VITTORIA PER PANTANI

Una vittoria per la Colombia, per Scarponi e per Pantani. Una vittoria per la 'rosa', che sa tanto d'impresa, giunta al termine di una tappa pirotecnica, ricca di colpi di scena e di attacchi, fortemente caratterizzata dall'agile forza di uno scalatore che quest'anno ha deciso di scolpire il proprio nome nella storia del ciclismo. Nairo Quintana ha infatti in programma l'assalto al Giro d'Italia, già vinto nel 2014, e al Tour de France, mai suo. Una grande ambizione, un 'doblete' che avrebbe del sensazionale e che l'ultima volta riuscì a un certo Marco Pantani, 19 anni fa.

«Eravamo focalizzati sulla tappa, la 'mia' squadra ha lavorato tutto il giorno, i corridori erano molto motivati, volevamo vincere assolutamente - sottolinea la neomaglia rosa venuta dalle Ande -. Sono molto contento di avere guadagnato secondi. Sapevo che era importante staccare gli avversari, ci ho provato e, dopo esserci riuscito, sono andato a tutta, sperando di guadagnare il più possibile sui rivali».

Tanti gli sconfitti di giornata. Uno su tutti: Geraint Thomas, più che battuto abbattuto da una moto della polizia che sostava sul bordo sinistro della carreggiata. Lo Skyman nutriva ambizioni di successo a Milano e invece ha rimediato un distacco enorme, dopo essere finito sull'asfalto.

«Ridicolo cadere in quel modo - le parole del britannico -, è stato qualcosa che non doveva proprio accadere in una corsa di questo livello. Sulla salita mi sono sentito bene, ma ero caduto, dunque non contava più niente. Per me la classifica del Giro 'is game over'».

Ko anche Vincenzo Nibali, che ha cercato di resistere una, due, tre volte a Quintana, poi ha mollato ed è giunto sul traguardo al quinto posto.