RUGBY

Rugby. L'Aquila non vuole fermarsi più. Battuto con merito il Pro Recco

Grande lotta ed equilibrio in campo. Finale solo di 16-8

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

43

L'Aquila rugby




L'AQUILA. Il big match del quarto turno della poule promozione di Serie A va all'Aquila. I neroverdi, dopo una bella e dura partita viziata anche dalla pioggia battente, hanno avuto la meglio sul Pro Recco. Con la sconfitta dell'Accademia federale a Benevento L'Aquila ora è seconda da sola a quota 14, dietro i Medicei.

La partita inizia nella ventidue degli squali liguri, e sono gli stessi ospiti a imporsi nelle prime delle numerosissime mischie chiuse giocate negli ottanta minuti. Un fallo per fuorigioco porta i primi punti dell'Aquila dopo quattro minuti, al piede con Francesco Cozzi. Ma la prima meta dell'incontro è di marca biancoceleste: touche, drive incisivo del pacchetto ligure e meta di Kevin Cacciagrano. Il capitano Bastiel Agniel non trasforma. Il vantaggio di Recco dura tuttavia solo due giri di orologio perché lo stesso Cozzi riporta i suoi davanti, sempre al piede: 6-5. E' la stessa apertura francese che fallisce qualche minuto dopo un piazzato a favore dei suoi, per cinque punti che peseranno sull'economia del match. I punti punti di Recco al piede arrivano al 31', e si va negli spogliatoi con gli ospiti in vantaggio 6-8.

La ripresa si apre con L'Aquila decise a colmare il gap e Recco che regge bene in difesa. La partita è divertente, con continui cambi di fronte. Dopo sette minuti arriva la prima e ultima meta dei neroverdi: azione multifase, cambio di lato veloce, tre quarti neroverdi in superiorità e Marcello Angelini che schiaccia oltre i pali, nel tripudio del “Fattori”, oggi particolarmente caldo anche se meno affollato del solito a causa della pioggia. Il resto della partita registra un'intensa attività d'attacco degli ospiti, nel tentativo di andare in meta, ma un errore difensivo genera il terzo calcio a segno di Cozzi e porta L'Aquila per la prima volta sopra il break. Il finale è un po' nervoso ma la battaglia non accenna a scendere di ritmo: bravissimi i neroverdi a gestire la palla e le fasi di gioco più delicate negli ultimi minuti, giocati peraltro in inferiorità numerica. Termina 16-8 tra gli applausi del pubblico.

“E' stata una battaglia dura, su un terreno pesante che non ci ha permesso di esprimere il nostro gioco in velocità – afferma dopo il match il direttore tecnico Vincenzo Troiani – sono orgoglioso oggi dei ragazzi che sono stati bravi a fermare una squadra fisicamente più forte, contrastare i loro punti di forza soprattutto davanti. Ci hanno messo l'anima e hanno portato a casa un incontro difficile, che avremmo giocato in maniera diversa se ce l'avesse permesso il tempo”.

“Non si può sempre vincere giocando bene, oggi l'abbiamo fatto battagliando e difendendo”, chiosa Troiani.

Domani sera gli atleti saranno ospiti della spa Eospa in viale Vicentini, tra gli sponsor del club, per una serata di relax e defaticamento dopo la vittoria di oggi.



L'AQUILA RUGBY CLUB v PRO RECCO RUGBY 16-8 (6-8)


Marcatori: p.t. 4' cp Cozzi (3-0); 12' m. Cacciagrano (3-5); 14' cp Cozzi (6-5); 31' cp Agniel (6-8); s.t. 47' m. Angelini tr. Cozzi (13-8); 65' cp Cozzi (16-8).

L'AQUILA RUGBY CLUB: Cozzi; Erbolini, Antonelli, Angelini, Giorgini; Di Marco, Speranza; Basha, Gentile, Canulli (69' Ponzi); Cerasoli, Cialone (cap); Montivero, Rettagliata, Schiavon (56' Rossi).

A disposizione non entrati: Fusco, Cacchione, Grassi, Carnicelli, Laperuta, Cialente.

All.: Troiani / Rotilio

PRO RECCO RUGBY: Gaggero; Becerra, Torchia, Heymans, Neri; Agniel (cap), Di Tota (57' Villagra); Cacciagrano (70' Ferrari), Lamanna, Monfrino; Metaliaj (70' Barisone), Ciotoli (67' Rosa); Corbetta (51' Di Valentino), Noto, Avignone.

A disposizione non entrati: Actis, Bedocchi, Cinquemani.

All.: Villagra

Arbitro: Bottino (Roma)

Cartellini: 70' giallo Ponzi (L'Aquila)

Calciatori: Cozzi (L'Aquila) 4/7; Agniel (Recco) 1/3

Punti conquistati in classifica: L'Aquila Rugby Club 4; Pro Recco Rugby 0.

Note: giornata piovosa, terreno pesante, spettatori 500 ca.

Man of the match: Michele Canulli (L'Aquila Rugby Club)