SPORT

Pallanuoto Donne. Weekend da dimenticare per il Pescara. La Rari Nantes Bologna vince 6-5

A fine gara la delusione di Chiara Ranalli e di mister Gobbi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

36

Pallanuoto Donne. Weekend da dimenticare per il Pescara. La Rari Nantes Bologna vince 6-5






PESCARA. Nella partita che avrebbe potuto valere un'intera stagione, il Pescara ha imbroccato una di quelle giornate da dimenticare, l'esatto contrario del Bologna. Che infatti ha espugnato con merito il Pala-Pallanuoto forte di una tenuta mentale di sicuro più consistente delle biancazzurre.
Ne è risultato un 5-6 finale dall'andamento a dir poco cervellotico, in cui la formazione di casa ha avuto un vero e proprio black-out nel secondo e terzo tempo.
Pescara avanti con Zhang a fine primo tempo, poi il nulla per ben 16'! Il Bologna ne ha approfittato, piazzando un micidiale 4-0 e un successivo 1-0.
Il finale è stato concitato, il team adriatico ha cercato la rimonta impossibile e in effetti avrebbe avuto la palla del pareggio a pochi istanti dal termine, in superiorità, capitata sulle mani di Colletta.
Ma il pareggio avrebbe mutato di poco o nulla la classifica, che ora è molto brutta per il Pescara, sempre ultimo con un punto. Il Bologna sale a quota 6, per cui ora per il Pescara la salita diventa durissima.
Coach Gobbi: "Questa sconfitta complica tutto, forse irrimediabilmente, ma il campionato è ancora lungo e dobbiamo provarci fino alla fine. Partita bruttissima, la più brutta da noi giocata da inizio stagione, credo a causa della pressione mentale che non siamo riusciti a gestire. Mi prendo tutte le responsabilità".
Chiara Ranalli: "In questo momento siamo tutte molto tristi, volevamo vincere e invece abbiamo sbagliato moltissimo, un calo spiegabile solo con limiti psicologici. Adesso dobbiamo riprenderci dallo choc subito e poi provare a far vedere che il Pescara c'è ancora, anche se i numeri dicono il contrario".