CURIOSITA'

Vasco Rossi si racconta: «quando suonavo la chitarra la gente scappava»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

337

Vasco Rossi si racconta: «quando suonavo la chitarra la gente scappava»

MUSICA. Dalla sua pagina Facebook Vasco Rossi, la rock star di Zocca ricorda i tempi dell’adolescenza.

Lo fa con un post che rappresenta un vero e proprio gioiello per i suoi tantissimi fans (solo su Facebook conta oltre 4 milioni di seguaci).

E così oggi Vasco, sempre attivo sui social network, ha deciso di postare alcuni paragrafi del libro 'Da zero a 30. 1952-1983 il racconto adrenalinico da cantautore a rockstar. Il libro è stato scritto insieme al giornalista Marco Mangiarotti e quello che emerge sono ricordi straordinari.

Sua inseparabile amica, fin dalla adolescenza, la chitarra.

«La chitarra mi ha fatto compagnia: ero figlio unico e, quando aspettavo che fosse pronto da mangiare o subito dopo pranzo, cercavo di imparare le canzoni di Lucio Battisti e dei cantautori. A 16, 17 anni ho cominciato a fare canzoni, ma non funzionavano e me ne rendevo conto. Così, quando andavamo la domenica con la chitarra nei prati, suonavo i pezzi di Lucio. Ogni tanto buttavo lì: Adesso vi faccio sentire una canzone mia. E in paese è subito nata la battuta: Scappa, scappa che arriva Vasco con la chitarra».

Vasco ricorda anche che una volta la mamma «di un mio amico mi disse: Ma sono tutte così tristi, Vasco?Le risposi: Si vede che quando sono allegro vado fuori».

E poi racconti esilaranti di quando studiava dai preti in collegio e pure l’episodio della sua espulsione: «sono stato per due anni e mezzo in collegio dai preti a Modena, tornavo a casa il fine settimana; ma sono stato buttato fuori perché avevo fondato una società segreta: eravamo in tre. Avevo 13, 14 anni. Ci portavano con un pullman a Ragioneria, al “Barozzi”, poi tornavamo in collegio. Dei giorni non andavamo a scuola e compravamo in stazione giornali porno soft, tipo Abc, li attaccavamo al muro di nascosto e ci scrivevamo sopra “CAZZIK COLPISCE ANCORA” Con un bel disegno del membro maschile».

Fonte TvMag.it