POLITICA

Il “governo del cambiamento” modificherà la Costituzione: ecco che cosa vuole fare

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

314

Il “governo del cambiamento” modificherà la Costituzione: ecco che cosa vuole fare

 

ROMA. Interventi mirati e puntuali sulla Carta costituzionale, molti dei quali riprendono alcuni punti delle precedenti grandi riforme tentate in passato, da D'Alema fino a Renzi, come il taglio dei parlamentari.

E' la filosofia illustrata dal ministro per le riforme Riccarco Fraccaro nell'audizione alle commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato.

Il tema della riforma del governo e del rapporto col Parlamento viene messo nel cassetto, così come la riforma elettorale, mentre al centro dell'agenda c'è il potenziamento degli strumenti di democrazia diretta. Proprio su questi ultimi ha posto enfasi Fraccaro spiegando che si mira a trasformare il popolo in un «organo politico dello Stato».

Il ministro ha quindi proposto una riforma presente nel ddl Renzi-Boschi, cioè il referendum propositivo, come ce ne sono in Svizzera o in diversi Stati degli Usa, nonché l'abolizione del quorum nei referendum abrogativi.

Terzo strumento di democrazia diretta è «la valorizzazione» della legge di iniziativa popolare, con l'obbligo che essa sia discussa e votata dalle Camere: anche qui una riforma presente nel ddl Renzi-Boschi. Nel frattempo, ha detto Fraccaro, il governo attiverà presto un portale attraverso il quale i cittadini potranno dare il proprio parere sulle leggi. Dalla bicamerale di D'Alema e da quella della scorsa legislatura, Fraccaro ha preso il taglio del numero dei parlamentari, scegliendo la strada di D'Alema: mantenimento di un Senato elettivo e sforbiciata nei numeri: 400 deputati e 200 senatori.

Quanto alla legge elettorale essa, ha detto Fraccaro, «non è nel contratto di governo» e quindi è affidata alla volontà del Parlamento: il governo si limiterà ad adattare il Rosatellum al numero ridotto di parlamentari.

Quanto ai cambi di casacca Fraccaro non ha messo in discussione l'articolo 67 della costituzione, come in passato avevano fatto i grillini proponendo l'introduzione del vincolo di mandato, che farebbe dell'Italia un unicum in Occidente.

Meglio un meccanismo nei Regolamenti parlamentari che scoraggi i passaggi da un gruppo all'altro. E ancora abolizione del Cnel, anch'essa nel ddl Renzi-Boschi, che ha provocato una reazione di protesta degli interessati. Ironica Maria Elena Boschi: «hanno scoperto che le nostre riforme erano buone».

Fraccaro ha concluso parlando di «Terza Repubblica» sintetizzata così: «dare più potere ai cittadini; avvicinare le decisioni ai cittadini; semplificare la vita ai cittadini».