LA GIUNTA

Pianella, il riconfermato sindaco Marinelli punta sui giovani: la vice sindaco ha 24 anni

Il primo cittadino ha affidato la delega ad Antonella Di Massimo

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

275

Sandro Marinelli

Sandro Marinelli

 

PIANELLA. “Progetto Futuro” è il nome della compagine che si è aggiudicata, con la percentuale del 52,09% e 2.673 voti, le elezioni comunali di Pianella del 10 giugno scorso ed è stato proprio lo sguardo al futuro a dettare l’agenda per la composizione dell’organo esecutivo.

Alle due donne neo elette, Antonella Di Massimo (vice sindaco) e Gabriella Sabrina Di Clemente vengono affidate rispettivamente le deleghe alle politiche giovanili, attuazione del programma e associazionismo, la prima e cultura, servizi sociali e scolastici la seconda, mentre Massimo Di Tonto assume le deleghe alle manutenzioni, personale e razionalizzazione statutaria e regolamentare e a Marco Pozzi viene affidata la delega ad ambiente, tributi ed informatizzazione.

«Ci aspetta una fase iniziale difficile ed intensa, come in tutte le situazioni nelle quali si applica un profondo rinnovamento – esordisce il sindaco Sandro Marinelli – ed in tale contesto è stato e sarà fondamentale continuare ad avere l’apporto ed il sostegno di tutti i consiglieri comunali, a prescindere dai ruoli, ai quali intendo conferire deleghe specifiche, affinché il lavoro sia il più possibile condiviso e produttivo, ma ancor di più valorizzare le importanti competenze della nostra lista che, pur non avendo trovato spazio nel consiglio comunale, saranno coinvolte ugualmente nelle varie fasi della gestione affinché aiutino l’amministrazione in questo complesso percorso proiettato alla costruzione della futura classe dirigente locale».

«Il criterio adottato in questa prima fase – continua il primo cittadino – è stato orientato alla disponibilità degli eletti a poter lavorare in giunta in maniera intensa e continuativa, ed anche dal proposito di superare quell’antico e deleterio schema di contrapposizione tra le varie componenti territoriali che ha generato negli anni una frattura odiosa e sacrificato sviluppo e coesione: dobbiamo tornare a pensare il territorio ed i suoi rappresentanti in maniera unitaria, poiché per troppo tempo un cinico approccio divisivo e clientelare ha pensato solo a lucrare elettoralmente contrapponendo tra loro le varie componenti della nostra città, mentre oggi gli elettori ci hanno inviato un chiaro segnale sulla necessità di andare oltre tali vecchie logiche».

«Anche la delega di vice sindaco ad Antonella Di Massimo, che con i suoi 24 anni è la più giovane consigliera comunale eletta, conclude Marinelli, costituisce un segnale di interesse ed attenzione verso la componente giovanile della città, alla quale questa amministrazione guarda con rinnovata fiducia e speranza».