Pianella: bilancio in passivo. Flippone «più tasse per coprire i buchi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

7271

PIANELLA. «Un bilancio in passivo che fa acqua da tutte le parti».

 

Così Gianni Filippone, capogruppo di Rinasce Pianella, definisce il documento contabile 2011 approvato dall’amministrazione D’Ambrosio che, a mezzo stampa, aveva annunciato «non ci saranno aumenti di tasse». Ma, secondo Filippone, sia il bilancio previsionale 2011 («in passivo») che alcune delibere comunali  (n.70 21-06-2011 e la n.62 del 20-06-2011) smentirebbero le affermazioni sventolate dal primo cittadino.

«Anziché stringere la cinghia», commenta Filippone, «il sindaco sta correndo ai ripari aumentando le tasse per avere a disposizione soldi così da estinguere i debiti». Parole, che troverebbero riscontro proprio nelle carte indicate dal consigliere d'opposizione. La delibera n.70 del 21-06-2011, prevede un aumento sulle bollette dell’energia elettrica che andrà a coprire i debiti che il Comune ha contratto con le società di smaltimento rifiuti urbani negli ultimi 2 anni (con Deco s.p.a al 1 Giugno 2011 si registrava un passivo di € 752.506,72  mentre con Ambiente s.p.a di € 2.155.047,61).   «Il Comune stabilisce una maggiorazione all’addizionale dell’accisa sull’energia elettrica nella misura del 100% degli importi vigenti a favore dei comuni», si legge nel documento, (in poche parole un aumento delle bollette) e al punto 3, le carte parlano chiaro «la maggiorazione servirà a coprire l’intero ciclo di gestione dei rifiuti». «L’aumento», tuona Filippone, «inciderà mediamente per ogni famiglia a circa € 100.00 all’anno, che equivale come ad un aumento di circa il 30% della tassa Tarsu 2011, il servizio raccolta nettezza urbana».

Altra questione quella delle tariffe per gli impianti sportivi. Anche qui sono previsti rincari per l’utilizzo del campo sportivo “F. Verrotti”   (Delibera N°62 del 20-06-2011). Le partite di calcio e calcetto con illuminazione costeranno da € 30  a  € 50, quelle senza illuminazione da € 20  a  € 40, gli allenamenti senza illuminazione ad ore da € 10  a  € 15 e gli allenamenti con illuminazione ad ore da € 16  a  € 20. Senza contare che a questo si sommerebbero altri debiti accumulati nel tempo come quelli per l’asilo nido - Arcobaleno s.r.l.  verso cui per l’ anno 2008 si registrava un passivo di € 398.888,00 cresciuto a € 612.191,00 per il 2009. «Le spese per il personale ammontano a € 1.600.977,72», conclude  Filippone, «ed invece di ottimizzare le risorse umane, si ipotizza un ampliamento della pianta organica da 45 attuali a 51 unità. Le spese per Consulenti esterni sono di € 564.200,00, (dati rilevati dall’anagrafe delle consulenze presso il Ministero dell’Interno al 23 Settembre 2010). Ma la domanda è il Comune di Pianella si può permettere tutto ciò?»

21/07/2011 11.46

D'AMBROSIO: «MENO SOLDI DALLO STATO, NECESSARIO INTROITO» 

«Le casse comunali – ha spiegato il sindaco D’Ambrosio – hanno subito una riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato per un importo di 184mila euro. E’ quindi necessario un introito di 90mila euro da ricavare sulle bollette, incremento che ricadrà in minima parte sulle tasche dei cittadini. Basti pensare che Pianella conta circa 3.200 famiglie, le quali, sommate alle attività produttive, verranno a pagare meno di 3 euro all’anno sul costo della luce, cifra ottenuta dividendo i 90mila euro con il numero di utenti. Un’operazione semplice, che evidentemente è sfuggita al consigliere Filippone, il quale continua a confondere le spese di competenza con quelle di cassa. A oggi, infatti, il Comune di Pianella ha un debito di cassa che contiamo di sanare al più presto con le numerose entrate che dobbiamo ancora riscuotere e che andranno a coprire i debiti esistenti».

L’addizionale sul consumo di energia elettrica verrà utilizzata esclusivamente per garantire la qualità dei servizi, soprattutto in campo sociale. «Niente a che vedere con il settore dei rifiuti che – ha ribadito il sindaco D’Ambrosio -, a differenza di quanto sostiene Filippone, marcia a gonfie vele, conquistando la soglia del 44% in raccolta differenziata. Purtroppo non è stato possibile prevedere una riduzione della tassa sull’immondizia per una questione di fondo, ossia la carenza di discariche.

Va ricordato, infatti, che il Comune di Pianella è costretto a scaricare i rifiuti a Celano, per cui gli introiti guadagnati con la raccolta differenziata vengono abbattuti dal costo del trasporto. Nonostante tali problematiche, la nostra è una città pulita e l’amministrazione comunale si è già attività per risolvere le criticità esistenti soprattutto in periferia».

23/07/2011 18.44 

PDL-UDC: «BILANCIO COMUNALE TRATTATO COME L’ESTRAZIONE DEL LOTTO» 

«Per cultura politica e personale siamo orientati alla ricerca di soluzioni ai problemi della cittadinanza e poco inclini alle sterili polemiche – afferma il capogruppo della minoranza in consiglio comunale Sandro Marinelli– tuttavia l’imbarazzante “botta e risposta” tra gli ex amici D’Ambrosio e Filippone, da un lato ci impone di fare chiarezza su dati e cifre che sembrano più il frutto di un’estrazione della lotteria che elementi contabili e dall’altro ci consente di esprimere alcune valutazioni sulla politica economica dell’Ente, ovvero sulla sua totale inesistenza».

Secondo i consiglieri Marinelli, Berardinucci ed Aramini, «l’istituzione dell’addizionale sulla bolletta ENEL, che come spiegheremo nel consiglio del prossimo 28 luglio è stata adottata irregolarmente, consente all’Ente di raddoppiare le entrate già previste negli anni passati, portandole, per il Comune di Pianella, da 90.000 a 180.000 euro; tale maggiorazione graverebbe per circa 100 euro per famiglia secondo Filippone e per circa 3 euro secondo D’Ambrosio, ma essendo la matematica una scienza poco elastica, dividendo i 90.000 euro di addizionale per le circa 3.700 utenze ENEL attive sul territorio si ottiene un aggravio per famiglia di circa 25 euro».

«E’ possibile che sia trattato di affermazioni fatte con superficialità – continuano i consiglieri del gruppo PDL-UDC - ma la vicenda è sintomatica in ordine alle cause che hanno ridotto il Comune di Pianella ad una liquidità inesistente, poiché il sindaco continua a millantare fantomatici avanzi di bilancio e contemporaneamente sottrae sistematicamente i fondi degli accordi di programma destinati alle opere per Pianella centro per coprire la voragine della spesa corrente, come ben sanno le decine di imprenditori in fila da anni per essere pagati dei lavori eseguiti per l’Ente ed i cittadini che non vedono più un intervento comunale sul capoluogo da oltre 5 anni».

27/07/2011 7.29