STATISTICHE

Crescere un figlio? Più facile in Trentino che in Sicilia

Rapporto Save the Children. Divario nord-sud in tutti i campi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

125

Crescere un figlio? Più facile in Trentino che in Sicilia

ROMA.  Quella di mettere al mondo un bambino, oggi, è una decisione non facile: conciliazione con il lavoro, spese, asilo, scuola, carico familiare poco diviso col partner. Ma se si vive in una regione del Nord è sicuramente meglio. E' quanto emerge con chiarezza dal secondo Rapporto "Le equilibriste: la maternità tra ostacoli e visioni di futuro" sulla condizione materna in Italia, diffuso oggi da Save the Children, alla vigilia della Festa della Mamma.

  Il dossier segnala che in generale le italiane fanno figli sempre più avanti negli anni, spesso sono costrette a rinunciare al lavoro e al tempo libero a causa degli impegni familiari e di un welfare che non riesce a sostenere le donne che decidono di mettere al mondo un bambino. Ma la scelta di diventare mamma nel nostro Paese può pregiudicare la condizione sociale, professionale ed economica di una donna a seconda della regione nella quale vive. Infatti, il Trentino-Alto Adige anche quest'anno si conferma la regione "amica delle mamme" per eccellenza, seguita da Valle d'Aosta, Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte. È la Sicilia a registrare invece la performance peggiore, preceduta da Calabria, Puglia, Campania e Basilicata.

  Il rapporto evidenzia lo stesso divario Nord-Sud anche nelle tre aree di indicatori prese in esame per ciascuna regione: cura, lavoro e servizi per l'infanzia. Per quanto riguarda la cura - un insieme di indicatori che mettono in corrispondenza i tassi di fecondità delle donne con la distribuzione interna del lavoro in casa tra i partner - la Lombardia risulta non solo la regione più virtuosa ma anche quella che, assieme a Umbria e Calabria, ha ottenuto un forte miglioramento.

La Sicilia, fanalino di coda della classifica generale, mostra segni di miglioramento esclusivamente per quanto riguarda l'area della cura, per la quale occupa una posizione intermedia.

  I dati sull'impiego femminile vedono Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta, Emilia-Romagna e Lombardia alle prime posizioni.

L'area dei servizi per l'infanzia conferma Valle d'Aosta e Trentino-Alto Adige come migliori. Emblematico il caso della Toscana che, rispetto alle altre due aree di indicatori, in quella dei servizi all'infanzia si posiziona tra le prime cinque regioni virtuose. L'Emilia Romagna, invece, rispetto al 2016 peggiora la sua condizione sui servizi.

  Mentre la popolazione tende ad invecchiare, l'età delle neomamme aumenta in tutta Europa. L'Italia occupa il penultimo posto, seguita solo dalla Grecia, con una media di anni al parto di 31,7 contro quella europea di 30,5.

In diminuzione nel nostro Paese le mamme sotto i 18 anni, che nel 2015 sono 1.739 contro le 1.981 dell'anno precedente. Infine, le incombenze della cura familiare si concentrano maggiormente sulle mamme con il figlio più piccolo sotto i 5 anni (2,7 milioni), su quelle con il figlio più piccolo tra i 6 e gli 11 anni (2 milioni) e su quelle con il figlio più piccolo oltre i 12 anni (3,2 milioni).

Se si sommano a questi dati quelli sulla cura di persone anziane, il risultato è allarmante: la media complessiva del lavoro di cura di bambini 0-4 anni e anziani over 80 che grava sulle donne in Italia tra i 15 e i 64 anni è del 33,8% e aumenterà nel 2036 arrivando al 46,2% se non si rafforzerà nel frattempo la rete di welfare e non cambierà la distribuzione dei carichi di cura donne-uomini.