IL BUSINESS

Migranti: nel 2015 spesi 610 mln per accoglienza primaria

Relazione Viminale.Mattiello,dati siano più recenti e dettaglio

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

56

Migranti lasciano struttura di accoglienza di Pianella: «non rispettati regolamenti»

ROMA. Nel 2015 sono stati impegnati circa 610 milioni di euro per la gestione della accoglienza primaria, di cui circa 480 per i centri temporanei di accoglienza, ciò nonostante rimane un deficit complessivo di circa 200 milioni. E' quanto rende noto il deputato Pd Davide Mattiello, rendendo noti i contenuti della Relazione sul sistema d'accoglienza primario che il Viminale ha redatto e trasmesso al Parlamento.

«I dati economici - spiega il deputato, che ha proposto una norma che dal 2015 rende obbligatoria una relazione annuale al Parlamento sull'accoglienza primaria - non hanno ancora il livello di dettaglio che vorrei e che sta nello spirito della norma approvata nel 2014, ma si apprezza un deciso miglioramento rispetto alla edizione uscita nel marzo del 2016 e relativa ai dati 2014. La relazione infatti, dovrebbe uscire al 30 di Giugno di ogni anno e riferirsi ai dati dell'anno precedente: questa che oggi leggiamo, si riferisce quindi ai dati del 2015, perché è quella attesa dal 30 giugno 2016».

Nel 2015, a fronte di 2103 controlli, si sono registrate 271 contestazioni, 30 denunce penali e la risoluzione di 26 contratti. Sulla base di una circolare del 2015, tutte le Prefetture hanno dovuto attivare Organismi Interni di Monitoraggio, che devono relazionare ogni 3 mesi.

«La nuova relazione sul sistema di accoglienza primario è un passo significativo nella direzione della trasparenza: ministro Minniti, procediamo senz'altro, perché la trasparenza è sempre alleate della accoglienza seria e rispettosa della dignità delle persone che arrivano e delle regole di convivenza italiane ed europee. Complessivamente la relazione restituisce il grande e generoso sforzo profuso dallo Stato in tutte le sue articolazioni, cui deve andare la nostra gratitudine», conclude Mattiello.