CROWDFUNDING

"Fai rivivere PrimaDaNoi.it": partita la raccolta fondi per potenziare il quotidiano

Obiettivo: dar vita al primo giornale finanziato dagli abruzzesi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

611

"Fai rivivere PrimaDaNoi.it": partita la raccolta fondi per potenziare il quotidiano

Raccogliamo fondi per riportare in vita il quotidiano, strutturare una redazione e rafforzare l’organizzazione per sopportare meglio gli scossoni che hanno decretato la fine del progetto avviato nel 2005.

   

Un obiettivo possibile solo se si riuscirà a creare una vera rivoluzione sociale senza eguali nel campo dell’impegno civile e dell’informazione.

Da qui l’anglosassone “revolt” che può significare “rivoltare” ma anche “ribellarsi” culturalmente a modelli ritenuti non giusti e che, forse, si potrebbe tradurre meglio in abruzzese con l’assonante “revotica” .  

Il 31 gennaio 2019, alla scadenza della raccolta, tireremo le somme e capiremo se il giornale potrà ripartire oppure no.


Insieme possiamo.

Se vorrete.

 

Alessandro Biancardi





COME SOSTENERE PRIMADANOI.IT REVOLT


 

  • 25 euro - LETTORE

        Con questa cifra finanzia 1 articolo.

Per lui un servizio di  NewsAlert WhatsApp/ Telegram  

  • 50 euro - LETTORE FREQUENTE

        Con questa cifra finanzia 2 articoli.  

Anche per lui il nostro servizio di NewsAlert WhatsApp/ Telegram in tempo reale

  • 100 euro - AFFEZIONATO

        Con questa cifra finanzia una inchiesta impegnativa.

Per lui il nostro servizio di NewsAlert WhatsApp/Telegram e vedrà il suo nome nella pagina dei finanziatori   

  • 250 euro - SOSTENITORE*

Con questa cifra finanzia più o meno  una giornata di lavoro per 5 giornalisti.   

In cambio può usufruire del nostro servizio NewsAlert WhatsApp/ Telegram, della nostra CHAT NEWSROOM WhatsApp (un filo diretto con la redazione per segnalazioni, spunti utili, discussioni sui temi da trattare sul quotidiano), e vedrà il suo nome nella pagina dei finanziatori

*La quota -decurtata dalle spese di transazione- sarà restituita se l'obiettivo non sarà raggiunto.

  • 500 euro - CONTRIBUTOR*

Con questa somma finanzia una giornata di PrimaDaNoi.it (giornalisti, spese, tasse).

 In cambio può usufruire del nostro servizio NewsAlert WhatsApp/ Telegram, della CHAT NEWSROOM WhatsApp (un filo diretto con la redazione per segnalazioni, spunti utili, discussioni sui temi da trattare sul quotidiano), inoltre news ed eventi del contributor potranno essere  condivisi sulla nostra pagina Facebook. Sarà menzionato in uno spazio dedicato ai contributor.


*La quota -decurtata dalle spese di transazione- sarà restituita se l'obiettivo non sarà raggiunto.

Per contribuire con Bonifico Bancario clicca qui 





     

     

    MANCATO RAGGIUNGIMENTO DELL’OBIETTIVO PRINCIPALE

    Nell’eventualità in cui la somma raccolta non potrà garantire in alcun modo la riapertura del giornale e la sostenibilità del progetto nemmeno per un anno, la cifra incassata con le donazioni da 25, 50 e 100 euro sarà impiegata per una serie di attività mirate a preservare e valorizzare l’archivio on line del giornale e l’attività giornalistica d’inchiesta.
    In prima istanza si cercherà di non far scomparire il sito PrimaDaNoi.it ed il suo archivio mantenendolo fruibile e consultabile per alcuni anni.
    Inoltre, compatibilmente con le somme residue, dopo aver pagato le spese di gestione della raccolta (non inferiori al 4%), si potrebbe realizzare una iniziativa editoriale (libri) per raccogliere e conservare su carta il meglio delle inchieste giornalistiche prodotte in 13 anni.  
    Nel caso di eccedenza dei fondi si potrebbe finanziare un libro d'inchiesta o approfondimento su vicende tra le più rilevanti accadute negli ultimi anni in Abruzzo.
    In questo caso l’attività giornalistica di PrimaDaNoi.it continuerebbe comunque anche se in una diversa forma.
    Tra le possibili attività che potrebbero essere finanziate (in caso di budget sufficiente) anche eventi incentrati sul giornalismo e l’informazione con ospiti illustri (con ingresso libero e preferenziale per i sottoscrittori).