ECONOMIA IMMERSA

A tutto nero. Turismo, irregolare il 50% delle case vacanza

Oltre 36mila controlli, da B&B abusivi a stabilimenti fantasma

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

275

A tutto nero. Turismo, irregolare il 50% delle case vacanza

ROMA. Un'estate 'in nero' è quella che emerge dal piano straordinario dei controlli (oltre 36mila) svolti dalla Guardia di finanza a partire da metà giugno: irregolare il 50% delle case vacanza, 4.126 venditori abusivi individuati, 3.123 lavoratori senza contratto, 29milioni di articoli contraffatti sequestrati (380mila al giorno in media).


L'illegalità, dunque, non va in vacanza, anzi si accentua nel periodo delle ferie estive. Anche quest'estate sotto la lente d'ingrandimento delle Fiamme Gialle sono finiti i proprietari di seconde e terze case per gli affitti nelle località turistiche: 1.477 i controlli complessivamente svolti, una su due è risultata irregolare. Le regioni dove si sono registrati i casi più numerosi sono Puglia, Toscana e Lazio. A Torino i militari del Corpo hanno scoperto un B&B abusivo a due passi dal centro storico, pubblicizzato sui più importanti siti del settore alberghiero come una perfetta dimora ottocentesca in stile barocco. Il complesso, oltre a non avere le necessarie autorizzazioni, era diventato un centro di smercio di borse e scarpe di rinomati brand di lusso palesemente contraffatti.


A Taormina i finanzieri hanno scoperto veri e propri hotel fantasma: bed and breakfast completamente sconosciuti al fisco o appartamenti affittati in nero. I proprietari hanno omesso di dichiarare al fisco 130mila euro. Nel mirino anche il fenomeno delle 'discoteche occulte': a Nocera Terinese (Cz) e Bisceglie (Bt) due stabilimenti balneari sono stati trasformati in discoteche a cielo aperto completamente abusive. Numerosi poi gli stabilimenti fantasma: a Napoli ne sono stati sequestrati due che occupavano abusivamente un'area demaniale marittima di 1.500 metri quadrati, esercitando attività di noleggio di sdraio, lettini, tavoli e sedie nonché la vendita di alimenti. Nei tre mesi estivi sono stati individuati 2.384 italiani, 703 stranieri e anche 36 minori che hanno lavorato o senza contratto o con una paga in nero.

I militari hanno denunciato complessivamente 69 persone. Tra le ultime operazioni, quella che ha portato all'arresto di 12 persone ritenute appartenenti ad un'associazione a delinquere: indagando su una quarantina di cooperative che lavoravano in un'azienda logistica di Stradella (Pavia)e dopo aver sentito circa 300 lavoratori, la Gdf ha scoperto che le cooperative facevano capo, attraverso prestanome, ad un'unica organizzazione i cui membri sottoponevano i lavoratori a turni di 12 ore senza riposi settimanali, ferie o aspettative. E non sono sfuggiti alle verifiche i distributori di carburante. Anche in questo caso, notevoli le illegalità rilevate. Uno su cinque è irregolare.