IL FATTO

Rapina in villa a Lanciano. «Ambulanza in ritardo: caso eclatante di inefficienza»  

Febbo (Fi) contesta la gestione delle emergenze nella provincia di Chieti

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2550

Sanità: i risparmi previsti non ci sono stati, in compenso la qualità è peggiorata

LANCIANO. Dopo l’efferata rapina in villa alle porte di Lanciano ci sarebbero stati anche ritardi dell’arrivo dell’ambulanza che avrebbe sforato i 20 minuti, limite massimo consentito.

La notizia la riporta il consigliere regionale Mauro Febbo (Fi) che spiega come                      «l'avvenuta mancanza di soccorso testimonia l'inefficienza e l'inefficacia della programmazione e della gestione delle urgenze del sistema sanitario territoriale, ahimè inesistente».


Il concetto è semplice: «se nella periferia di Lanciano dopo oltre 20 minuti non arriva l'ambulanza a prestare i dovuti soccorsi, non oso immaginare cosa possa verificarsi nelle zone interne e più isolate. Questo triste episodio - prosegue Mauro Febbo -  è la manifestazione di quanto il Ministero della Salute ha certificato nel tavolo di monitoraggio del 26 luglio scorso, ovvero la sanità abruzzese ed in particolare la Asl Lanciano - Chieti - Vasto vivono in uno stato comatoso, fatto di non programmazione e indebitamento. La deriva è vicina. È necessario un immediato ricambio per invertire la rotta».


Il discorso è quello del riordino della sanità effettuato negli scorsi anni improntato sui tagli feroci che hanno coinvolto anche la qualità dei servizi.

E’ stata riorganizzata anche la rete ospedaliera e, dunque, anche quella dei pronto soccorso spostati sugli ospedali più grandi. La legge impone tempi massimi per i soccorsi in qualunque zona d’Italia e questi non possono superare i 20 min o i 55 minuti in alcuni particolari casi.

Per questo postazioni per le ambulanze sono state poste in diversi punti strategici ma l’orografia della regione e le condizioni della viabilità non consentirebbero comunque oggettivamente tempi accettabili per i soccorsi nei paesi dell’alta provincia teatina o del vastese.