IL DANNO

Vista Immobiliare chiede 160 mila euro di danni al Comune di Città Sant’Angelo

Minoranza: «leggerezza da parte della maggioranza targata Pd»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

378

Vista Immobiliare chiede 160 mila euro di danni al Comune di Città Sant’Angelo

CITTA’ SANT’ANGELO. Torna a far discutere la questione della variazione urbanistica di Via Colella chiesta dalla società Vista Immobiliare in virtù di un accordo con il Comune di Città Sant’Angelo per la realizzazione di una zona residenziale a Città Sant'Angelo.

 Il procedimento, in merito al quale avevano espresso perplessità fin dalla prima ora i consiglieri di minoranza Maurizio Valloreo, Matteo Perazzetti e  Lucia Travaglini, è stato interrotto dagli uffici preposti e con la convalida della giunta comunale.

 Oggi la società Vista Immobiliare,  che avrebbe voluto veder trasformare in residenziale un intero terreno agricolo di 3,6 ettari circa di uliveti,  ha citato in Tribunale il Comune di Città Sant’Angelo chiedendo come risarcimento 160.000 euro circa che rischiano di dover pagare i cittadini angolani «per una leggerezza nella gestione della procedura da parte della Giunta Comunale PD», denunciano i consiglieri di opposizione.

 

 

Valloreo e colleghi già all’indomani dell’accordo ratificato dalla Giunta avevano invocato a gran voce lo stop del procedimento  contestando la cementificazione di un’ ampia porzione di territorio sconnessa dal tessuto residenziale, in contrasto con le linee programmatiche urbanistiche regionali che impongono il recupero dell’esistente e la conservazione del territorio. Secondo i tre, inoltre, l' operazione era chiaramente finalizzata ad iscrivere somme in un bilancio comunale (733.000 €) che si stenta a chiudere tutt’oggi.

Inoltre dubbi erano stati sollevati anche per i soggetti coinvolti nell'operazione: si ravvisava  un alone di inopportunità politica ed amministrativa al netto di tutte le perplessità sulla correttezza della procedura.

«E queste censure infatti si erano rivelate fondate, tanto da ricevere in Consiglio i ringraziamenti del Sindaco per avere fatto chiarezza», ricordano oggi i consiglieri.  

Vista immobiliare chiede di essere risarcita per la parte relativa alle spese sostenute per consulenze professionali affidate a professionisti «che per tanto tempo abbiamo visto ruotare attorno al PD angolano a vario titolo e con vari incarichi», denunciano i tre consiglieri che puntano il dito contro un atteggiamento «superficiale e incompetente di questa giunta PD che espone al rischio di un risarcimento gravoso ed ingiusto i cittadini angolani».