L'INCHIESTA

Presunta truffa del promotore finanziario: dopo quattro anni c’è l’udienza preliminare

La finanza nel frattempo ha recuperato a tassazione 320mila euro

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

424

finanza


LANCIANO. Il prossimo 18 settembre ci sara' l'udienza preliminare del procedimento 944/14 acceso presso la Procura di Lanciano quattro anni fa e relativo ad una presunta truffa ordita da F.S., promotore finanziario frentano per un primario istituto di credito con filiale a Lanciano, in danno di numerosi piccoli risparmiatori.
 
 
Nel frattempo la guardia di finanza ha recuperato a tassazione oltre 320.000 euro sottratti dall’infedele promotore ai danni di 22 risparmiatori.
Secondo quanto ricostruito dalle indagini, l’uomo, di cui la finanza non divulga le generalità,  tradendo la fiducia dei clienti riposta nei suoi confronti avebbe sottratto somme di denaro destinate ad essere investite in strumenti finanziari pubblicizzati come «altamente remunerativi».
Molte delle persone truffate, avevano affidato a F.S. anche risparmi di una vita di lavoro, con la promessa di un guadagno sicuro in tempi brevi.

In piena violazione del mandato fiduciario, F.S. si faceva consegnare le somme da investire che in seguito venivano distratte a beneficio personale della provvista in essi recata, attraverso l'emissione di assegni bancari a firma falsa dei clienti e/o di assegni circolari a firma falsa dei clienti nel modulo di richiesta.
La valuta distratta veniva occultata esibendo documenti di sintesi di portafoglio risultati falsi, ed incamerata su conti bancari riferibili all'indagato.
Alla fine delle indagini il broker è stato cancellato dall’apposito albo.
I militari della Compagnia di Lanciano, conclusa l'indagine penale, hanno portato a termine nei giorni scorsi anche la relativa parte fiscale. Avvalendosi, infatti, dell'art. 14 comma 4 della Legge 537/1993, sono stati ricondotti a tassazione come reddito imponibile della persona fisica, le somme di denaro indebitamente sottratte ed accertate in sede penale, qualificandole come provento da attivita' illecita.