SACRO E PROFANO

L’Aquila, l’antenna provvisoria diventa fissa vicino alla chiesa di 8 secoli fa.

«La Soprintendenza doveva dare lo stop»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

78

L’Aquila, l’antenna provvisoria diventa fissa vicino alla chiesa di 8 secoli fa.

L’AQUILA. A Pagliare di Sassa, una delle 59 frazioni del Comune de L’Aquila, a poche decine di metri dalla chiesa di San Pietro Apostolo (eretta otto secoli fa), formalmente dichiarata di notevole interesse pubblico e dunque sottoposta ai vincoli e alle prescrizioni contenute nel Codice dei Beni culturali, sono in corso lavori per trasformare un impianto per la telefonia mobile da provvisorio a permanente.

«Un vero e proprio pugno nello stomaco ai danni della collettività sia sotto l’aspetto della non opportunità della decisione che per quanto riguarda la questione attinente alla salute pubblica che non può non essere messa a serio rischio a causa dell’elettromagnetismo», contesta Leandro Bracco, consigliere di Sinistra Italiana.

«Quanto si sta verificando in quella zona – afferma l’esponente SI – rasenta l’assurdo in quanto non poche famiglie, se vorranno salvaguardare la propria salute, saranno costrette a dire addio alle abitazioni nelle quali hanno vissuto e stanno vivendo da anni».

Il Comune  ha messo nero su bianco che la stazione radio base a servizio della telefonia mobile installata in maniera provvisoria a seguito del terrificante sisma del 2009 sembrerebbe essere destinata a diventare permanente.

In un documento ufficiale l'amministrazione di centrodestra guidata da Pierluigi Biondi ha infatti espresso parere favorevole all’installazione definitiva dell’impianto a patto che ‘sul perimetro del lotto interessato siano messi a dimora piante e arbusti di origine locale al fine di celare o quantomeno mediare l’impatto visivo dell’opera’.

La Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici per l’Abruzzo che avrebbe potuto mettere un aut aut alla questione in quanto a ridosso della stazione radio base si trova l’incantevole chiesa ha invece sposato l’ipotesi. «Ma come si fa a rendere poco visibile – si domanda Bracco – un ripetitore che sarà alto ‘solamente’ 35 metri? Mistero. E se si vuole aggiungere la gravissima circostanza derivante dall’impatto che la stazione radio base avrà sulla salute pubblica, c’è da essere realmente preoccupati in misura notevolissima».

Uno studio di cui si è fatta promotrice l’Asl de L’Aquila ha infatti evidenziato come taluni impianti che irradiano onde elettromagnetiche non devono, da un lato, interessare insediamenti umani e, dall’altro, essere attivi oltre le quattro ore giornaliere.

Inoltre nel 2004 la Regione Abruzzo ha approvato la legge numero 45 intitolata ‘Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell'ambiente dall'inquinamento elettromagnetico’.

L’articolato prevede rilevanti passaggi procedurali posti a tutela degli interessi delle popolazioni.

«Proprio per questo motivo – conclude Leandro Bracco – è doveroso che nel più breve tempo possibile venga fatta chiarezza riguardo l'iter autorizzativo della stazione radio base e della legittimità dello stesso».