RIFIUTI

Quarta vasca discarica Cupello, il Via rimanda alla prossima settimana

Coro di no e proteste

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

101

Regione Abruzzo, 43mln per bonificare discariche contestate da Ue

Mazzocca e Gerardini

 

 

CUPELLO. Si è svolta ieri mattina all'Aquila, la seduta della commissione regionale Via (valutazione di incidenza ambientale, n.d.r), chiamata ad esprimersi sul progetto di realizzazione di una quarta vasca - promosso dall’operatore privato Cupello Ambiente - da realizzarsi in adiacenza all’impianto consortile Ci.Ve.Ta. di Cupello.

Il consigliere regionale Mario Olivieri e il sindaco di Monteodorisio, Saverio Di Giacomo ( unici due rappresentanti del territorio che hanno partecipato alla seduta, aggiornata alla prossima settimana) hanno ribadito il loro "no" e ora hanno detto chiaramente che sono pronti a promuovere azioni legali.

 

Assenti i rappresentanti Civeta ed i sindaci di Vasto, San Salvo e di Cupello.

Franco Gerardini commissario straordinario del Consorzio intercomunale del Vastese per l'ecologia e l'ambiente ha poi fatto sapere che il Consorzio  non era stato convocato.

«Nonostante ciò, il Consorzio ha inviato una specifica nota al Comitato VIA, per segnalare allo stesso le criticità rilevate e riferite all’ubicazione del progetto nell’area prevista di Valle Cena, posta in modo contiguo agli impianti del Polo Tecnologico pubblico, nonché invitato il Comitato VIA a valutare con attenzione le relative compatibilità con le autorizzazioni regionali (AIA) rilasciate e vigenti».

Gerardini ribadisce pure che progetti di operatori privati (a cui gli stessi rispondono), non sono iniziative che dipendono dal Civeta ma, «se si è ancora in un Paese libero e democratico, le stesse devono essere valutate, approvate o respinte, dagli organismi competenti, con la dovuta trasparenza e rigore tecnico-amministrativo, secondo le compatibilità previste da norme di settore e garantendo la partecipazione al procedimento degli aventi diritto, che potranno rilasciare parere favorevole o sfavorevole».

Il Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Pietro Smargiassi,il Senatore Gianluca Castaldi e la Deputata Carmela  Grippa puntano invece il dito contro la politica regionale, che a loro dire non è stata in grado di dare risposte certe e puntuali sulla discarica di Cupello.

I tre spiegano che il consigliere Smargiassi è ancora in attesa di una risposta da parte del Governo Regionale in merito alla interrogazione sull'incendio recente che ha interessato una vasta area della discarica.

I 5 Stelle chiedono inoltre un incontro con tutti i rappresentanti del territorio e con il sottosegretario regionale Mazzocca, «affinché ogni dubbio venga fugato alla cittadinanza, che in queste ore sta palesando tutta la sua preoccupazione. Una preoccupazione che condividiamo, visto che si continua a riempire la vasca con rifiuti provenienti da fuori Regione. In questo modo la durata dell’impianto si accorcia».

La sezione del Partito Comunista di Cupello ed il Comitato regionale annunciano di essere pronti a dare «dura battaglia»  contro la eventuale realizzazione dell’annunciata nuova vasca e si batteranno per la collettivizzazione dell’impianto.

«Non si devono raccogliere rifiuti da altri luoghi; non devono essere i cittadini del territorio a

pagare con la salute il rimpinguamento delle tasche di personaggi che fanno solo il proprio

interesse», chiudono dal Partito Comunista.