L'ARRESTO

Assalto al bancomat della Tercas, preso uno della banda

I malviventi riuscirono a portarsi via 18 mila euro

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

330

Bomba in banca per asportare bancomat: due colpi nella notte

CHIETI. I carabinieri di Chieti hanno arrestato il responsabile dell'assalto al bancomat della filiale della "Banca Popolare di Bari" - ex Tercas di Poggiofiorito.

L'assalto era avvenuto la notte del 27 luglio 2017, quando alcuni malviventi fecero saltare con l'esplosivo lo sportello automatico, danneggiando lo stabile e impossessandosi di circa 18 mila euro, per poi allontanarsi a bordo di una Volkswagen Golf rinvenuta, dagli uomini dell'Arma, nelle campagne di Miglianico.

L'arrestato e' un 30enne foggiano Francesco Pesante, pluripregiudicato, rintracciato all'alba a Foggia dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ortona dove viveva e da dove non si sarebbe mai dovuto allontanare perche' gia' sottoposto alla sorveglianza speciale e all'obbligo di dimora.

Certosine sono state le indagini condotte sulle numerose tracce rinvenute sul mezzo e sul luogo dell'assalto che hanno permesso di giungere alla sua identificazione grazie anche all'attivita' tecnica svolta dai Carabinieri del Reparto Investigativo del Comando Provinciale di Chieti e dal Raggruppamento Carabinieri Indagini Scientifiche dell'Arma, che hanno permesso di segnalarlo senza ombra di dubbio alla Procura della Repubblica di Chieti, titolare dell'indagine, che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di furto aggravato, porto abusivo di materiale esplodente, danneggiamento aggravato e contraffazione.

Sono in corso ulteriori accertamenti per  individuare gli altri componenti della banda e il suo possibile collegamento con i 10 pregiudicati di Foggia e Orta Nova (FG) componenti la cosiddetta "banda della marmotta", tratti in arresto lo scorso 7 maggio dall'Arma di Teramo nell'ambito dell'indagine denominata "Hot Banks" e con gli autori dell'assalto al bancomat dell'Ufficio Postale di Piane d'Archi, in Val di Sangro, tratti in arresto lo scorso 7 maggio dalla Compagnia Carabinieri di Lanciano dopo un conflitto a fuoco con gli stessi.