NUMERI E MORTI

Salute. «Farmaci assunti male provocano 195.000 morti in Ue»  

Indagine Cittadinanzattiva, 8 raccomandazioni alle Regioni

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

172

farmaci medicine

 

 

ROMA.  Dimenticati, saltati, confusi, assunti in dosi inferiori o eccessive rispetto alle indicazioni del medico: secondo stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dal 30% al 50% dei farmaci prescritti non sono assunti come dovrebbero.

Mentre nell'Unione europea sarebbero ogni anno 194.500 i decessi dovuti a errori nell'assunzione di medicinali, con un costo pari a 125 miliardi di euro l'anno.

A fronte del problema che riguarda soprattutto malati cronici e che assumono più medicinali, da parte delle regioni c'è ancora poca informazione e pochi strumenti di supporto al paziente. È la denuncia che arriva dall'analisi sull'aderenza terapeutica realizzata da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, presentata oggi a Roma.

 

Compresenza di più malattie croniche, frustrazione nel non percepire benefici dalle cure, scarsa comprensione sulla terapia da seguire, sono questi i motivi che spingono il paziente a non assumere correttamente farmaci.

Ed è su questi punti che si può migliorare, come emerge dall'indagine realizzata con il contributo non condizionato di Servier, attraverso un questionario rivolto agli Assessorati alla salute e operatori sanitari. Per migliorare l'aderenza le 13 Regioni che hanno risposto puntano di più sui medici di famiglia, seguono specialisti, farmacisti e infermieri.

Nessuna Regione ritiene prioritario puntare sul care-giver familiare e professionale (come le badanti) e solo Friuli Venezia Giulia, Molise e Trento stanno investendo anche sul ruolo delle associazioni di pazienti. In generale, si punta ancora troppo poco sull'informazione, con brochure o tutorial.

Di qui le 8 raccomandazioni civiche del Tribunale per i diritti del malato, che vedono in testa, spiega il coordinatore nazionale Tonino Aceti, quella di "dare tempestiva attuazione al Piano Nazionale della Cronicità", "perché chiarisce bene come, oltre a intervenire sull'appropriatezza prescrittiva, le regioni devono creare soluzioni organizzative che favoriscano l'adesione alle prescrizioni".