IL FATTO

Sanità: promozioni in vista per 1200 dipendenti della Asl L'Aquila

Siglata ieri intesa, prima azienda in Abruzzo

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

380

La sanità pubblica non ce la fa e chiede aiuto alla clinica privata Villa Letizia

Rinaldo Tordera

 

L'AQUILA.  Avanzamenti professionali con benefici economici per oltre 1.200 dipendenti del comparto sanità: ieri la direzione Asl provinciale dell'Aquila, unica in Regione, ha siglato la pre-intesa con i sindacati. Fatto ritenuto importante perché la questione delle cosiddette 'progressioni orizzontali' era rimasta insoluta da molti anni.

L'intesa sottoscritta con le parti sociali dalla Asl rappresentata dal Manager, Rinaldo Tordera, dal direttore amministrativo, Laura Coppola, e dal direttore sanitario Teresa Colizza, affiancati dal direttore del servizio personale,Luigi Franciotti e dal dirigente Errico D'Amico, riguarda figure non dirigenziali che comprendono profili sanitari, amministrativi e tecnici.

Sarà operativo entro la fine dell'anno.

Saranno 2.102 i dipendenti che potranno partecipare alla selezione sulla scorta di una serie di criteri predeterminati. I benefici economici, connessi all'avanzamento professionale, oscilleranno tra i 300 e 1.300 euro circa a testa a seconda dell'inquadramento contrattuale.

In base all'attribuzione dei relativi punteggi, al termine della procedura selettiva, il 60% dei partecipanti (quindi 1266) otterrà i riconoscimenti di carriera ed economici nel 2018. L'attribuzione dell'avanzamento di grado avverrà tramite una selezione automatica grazie a un software messo a disposizione da una società informatica specializzata a cui la Asl si è affidata.

L'operazione riguardante le progressioni orizzontali non si esaurirà nell' anno corrente perché c'è l'impegno a riproporla anche nel 2019 attraverso il reperimento di altre risorse che consentiranno di accedere al beneficio anche ad altri dipendenti. "L'intesa - spiega il manager Tordera - era attesa da molti anni da lavoratori e parti sociali e permetterà di dare il giusto riconoscimento ai dipendenti in termini di professionalità e compenso economico. In questo modo l'azienda intende valorizzare le capacità e il percorso individuale di ciascun operatore in modo da stimolarne l'impegno e la produttività. Con un pizzico di orgoglio". "Possiamo dire di essere la prima Asl in Abruzzo a portare a compimento l'accordo", conclude Tordera.