IL FATTO

Meningite aggressiva: 16enne ricoverato a  Teramo

Il ragazzo è di Giulianova. Profilassi per tutte le persone con cui è venuto a contatto

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

931

Meningite aggressiva: 16enne ricoverato a  Teramo

 

GIULIANOVA.  Un 16enne di Giulianova è ricoverato dal tardo pomeriggio di ieri nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Teramo per meningite. La conferma del primo sospetto di diagnosi è arrivata nella tarda mattinata di oggi dalla direzione sanitaria della Asl di Teramo, dopo l'esito delle analisi effettuate sul ragazzo. Secondo le analisi il ceppo batterico del meningococco responsabile dell'infezione è di tipo C, uno dei più aggressivi.

Ad accompagnare il sedicenne al pronto soccorso dell'ospedale di Giulianova erano stati i genitori, preoccupati per le condizioni di salute del figlio che accusava febbre alta e vomito.

Nel momento in cui il paziente veniva trasferito all'ospedale del capoluogo, l'azienda sanitaria ha avviato la profilassi prevista in questi casi su tutti i contatti del sedicenne nelle ultime ore prima del ricovero, famigliari e operatori sanitari in particolare.

Il decorso clinico del giovane è stazionario, la prognosi è ancora riservata.

 

Dalla Asl confermano che il Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica e le altre Unità Operative interessate hanno subito attivato l'inchiesta epidemiologica e tutte le procedure di chemioprofilassi sanitaria farmacologica solo per i contatti stretti e operatori sanitari che hanno assistito il paziente, nel rispetto dei protocolli relativi alla profilassi delle malattie infettive.

Sono stati sottoposti a profilassi i conviventi considerando anche l’ambiente di studio (la stessa classe), chi ha dormito o mangiato spesso nella stessa casa del malato, le persone che nei sette giorni precedenti l’esordio hanno avuto contatti con la sua saliva (attraverso baci, stoviglie, spazzolini da denti, giocattoli), i sanitari che sono stati direttamente esposti alle secrezioni respiratorie del paziente (per esempio durante manovre di intubazione o respirazione bocca a bocca).