ESTATE

Vasto. Divieto di balneazione a Punta Penna: esposto del M5s

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2103

Vasto. Divieto di balneazione a Punta Penna: esposto del M5s

 

VASTO. Divieto di balneazione a Punta Penna,  una delle spiaggia più belle d’Abruzzo per il superamento dei valori di enterococchi.

Il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ha firmato una ordinanza ieri stabilendo il divieto di bagni della zona che va dalla passerella in legno al molo di ponente del porto, quello dove sorgono i trabocchi.

Il provvedimento è scattato dopo i controlli effettuati dall'Arta in data 10 luglio.

Due giorni dopo sono già stati effettuati nuovi campionamenti nella speranza di una clemenza nei risultati non certo di una risoluzione della causa scatenante.

Il M5s ha già annunciato un esposto «con lo scopo di porre il faro sulla situazione della purezza delle acque che ogni anno, puntualmente, torna a far discutere i vastesi».

Il firmatario, consigliere regionale Pietro Smargiassi, spiega che «l'area più a nord di questa spiaggia pare essere contaminata. Che scoperta: a Nord della spiaggia di Punta Penna, nel cuore pulsante della Riserva di Punta Aderci, si trova il carcere (oggi casa lavoro) che con i suoi 200 ospiti scarica in mare i suoi reflui. La depurazione è affidata ad un impianto che da anni crea problemi. Basta fare una ricerca per scoprire come sia un problema che si ripete ogni anno in estate quando e si effettuano i campionamenti e le analisi. Il Sindaco di questa città dovrebbe fare autonomamente un esposto,  almeno contro ignoti, per approfondire le reali cause di questa giornata nefasta per Punta Penna e non limitarsi a mettere un divieto sulla spiaggia. Se non se la sente di farlo in autonomia lo invito a firmare l’esposto che presenterò io affinché presto le reali cause vengano individuate ed eventuali omissioni colpite e giustamente punite».

«Bisogna dare un segnale forte» spiega ancora Pietro Smargiassi autore dell’esposto «è vergognoso come questa città debba essere continuamente umiliata nel pieno della stagione estiva, con migliaia di presenze turistiche. Il nostro territorio vanta una delle 5 spiagge più belle d'Italia, un'autentica perla dell'adriatico, un angolo incantevole facilmente confondibile con un'area caraibica per bellezza e acqua cristallina ed ogni anno deve essere catapultata sulla stampa perché "improvvisamente" si scopre che qualche tratto presenta problemi. Un anno Vasto Marina, un anno Motta Grossa e quest'anno Punta Penna. Ora Basta».

 

Per il sindaco Francesco Menna il problema è chi «specula politicamente in piena estate arrecando non poco danno all’economia turistica della nostra città. Solo a Vasto ci si preoccupa di diffondere ai quattro venti la notizia. Sfiderei chiunque a farmi sapere in quali realtà portuali è possibile fare il bagno»