LA PROTESTA

Mense scolastiche Teramo, incertezza sugli stipendi per le lavoratrici Pap

«Aspettiamo ancora la mensilità di maggio»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

110

Lotta all’obesità infantile, via le merendine dalle mense scolastiche del Chietino

 

TERAMO. Le cuoche delle scuole di Teramo, dipendenti della PAP, protestano per il mancato pagamento dello stipendio di maggio e per l’incertezza sul pagamento della quattordicesima mensilità.

«Purtroppo ogni mese, da quando la PAP si è aggiudicata l’appalto per il servizio di ristorazione scolastica della nostra città», spiegano le cuoche del servizio ristorazione delle mense scolastiche di Teramo, iscritte alla Filcams CGIL di Teramo, «siamo costrette a minacciare o a pregare per avere il versamento di quanto dovuto. Oggi, a luglio già inoltrato, non è ancora certa la data del pagamento della mensilità di maggio 2018».

Cucinare in una scuola dell’infanzia o nido è una grande responsabilità, sottolineano le lavoratrici: «le mamme, le insegnanti, i bambini, conoscono e si rapportano con le cuoche, che hanno la responsabilità, anche giuridica, dei cibi che somministrano e per questo sono soggette a controlli; inoltre in questi ultimi anni hanno dovuto aggiornarsi per aggiungere diete speciali destinate a bambini con problemi o allergie».

Tutto questo per salari che vanno da 400€ a 700€ massimo, solo per 9 mesi l’anno, visto che quando la scuola è chiusa, le addette a questo servizio sono sospese.

«Dunque alle difficoltà proprie del nostro lavoro», raccontano ancora le lavoratrici, «si aggiunge il fatto che a luglio non abbiamo lo stipendio di maggio e la quattordicesima ci appare un miraggio».

Per questa ragione, in questi mesi in cui la scuola è chiusa le cuoche manifestano il proprio disappunto e attendono i giorni in cui rientreranno in servizio «per mettere in atto tutte le modalità utili a far valere il nostro diritto ad essere retribuite nei tempi previsti dal contratto nazionale del lavoro».