IL FATTO

Aeroporto d'Abruzzo e Taxi Chieti: il Comune rinnova tessere

Di Biase, diffida a Regione per emanare regolamentazione

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

98

Aeroporto d'Abruzzo e Taxi Chieti: il Comune rinnova tessere

 

 

 

CHIETI. Il Comune di Chieti invierà una diffida alla dirigenza della Regione affinché, nelle more del decreto apposito del Presidente della Regione, emani una regolamentazione alla luce del decreto legislativo 442/97 e dell'ordinanza n. 2 dell'Enac del novembre 2015, in base alle quali gli operatori dei capoluoghi di provincia in possesso di licenza sono autorizzati a compiere il servizio taxi all'interno dell'Aeroporto d'Abruzzo.

Lo ha annunciato l'assessore alle Attività Produttive, del Comune di Chieti, Carla Di Biase che, con il funzionario comunale responsabile del settore, Angela Falcone, si è recata all'aeroporto insieme ai tassisti teatini che da oggi prestano regolare servizio all'interno dello scalo aeroportuale. Nell'occasione Di Biase ha avuti incontri con il presidente della Saga, Enrico Paolini, e con la responsabile dell'Enac, Grazia Caligiore, all'esito dei quali le tessere di ingresso dei tassisti teatini sono state rinnovate.

''I tassisti teatini da oggi effettueranno il servizio - dice Di Biase - nelle more dell'intervento da parte della Regione, chiediamo, inoltre, che venga emanato un provvedimento in via transitoria per regolamentare l'accesso in aeroporto in modo che i tassisti teatini possano espletare il servizio serenamente insieme ai colleghi di Pescara senza che si debba ricorrere ad eventuali interventi da parte delle forze dell'ordine. Desidero precisare, inoltre, che l'Aeroporto d'Abruzzo è un territorio che non può essere propriamente definito come territorio comunale in quanto è stato concesso ad una società di gestione, la Saga, con decreto del ministero dei Trasporti. Non si tratta di una lotta contro i tassisti e il Comune di Pescara, ente con il quale il Comune di Chieti aveva aperto un tavolo di confronto lo scorso 14 dicembre che non ha avuto esito - conclude Di Biase - ma di una iniziativa per vedere regolamentati i diritti degli operatori del Comune di Chieti ai quali nessuno ha negato l'ingresso in aeroporto. Auspichiamo, pertanto, che si arrivi ad una rapida soluzione''.