IL FATTO

Pescara. Estorsione a commercianti: 5 persone in manette

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1407

controlli finanza pescara

 

 

 

 

 

PESCARA.   I finanzieri del Comando Provinciale di Pescara hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 5 soggetti pescaresi, coinvolti in un'attivita' di estorsione nei confronti di alcuni commercianti di Pescara nonche' in reati di furto e spaccio di stupefacenti. Per l'esecuzione del provvedimento, fin dalle prime luci dell'alba, e' stato dispiegato un dispositivo di oltre 15 militari, con ausilio di unita' cinofile.

L’operazione è stata denominata "No fear".

Sono finiti in manette i pescaresi Michele Rossoni, 59anni, e suoi tre figli Cristian, Richard e Virginio; e Giovanni Di Blasio, 43 anni.

Le indagini dei finanzieri, coordinate dal pm Andrea Papalia, sono partite nel novembre scorso a seguito delle segnalazioni di alcuni commercianti, che hanno riferito di essere stati costretti a subire continue vessazioni, richieste di denaro e minacce da parte del sodalizio criminale.

Una delle vittime, intimorita dalla situazione, ha pero' preferito non formalizzare una regolare denuncia.

In un caso, un uomo si e' rifiutato di consegnare il denaro ed e' stato aggredito davanti ai clienti del locale in cui lavorava, riportando una frattura del setto nasale giudicata guaribile in dodici giorni.

In un altro caso, un operaio di Pescara, che aveva contratto un debito di droga nei confronti di Michele, Virginio e Richard Rossoni, e' stato costretto a restituire il corrispettivo in denaro, con cadenza mensile. Tuttavia, una volta restituita la somma, il gruppo criminale ha continuato a pretendere denaro dalla vittima, che e' stata costretta non solo a pagare 30 mila euro in quattro anni, ma, dopo avere denunciato i fatti, anche a subire minacce.

L'uomo ha persino cambiato casa, ma e' stato minacciato con dei messaggi tramite cellulare e social.

I cinque arrestati sono tutti accomunati da precedenti per reati connessi agli stupefacenti e contro il patrimonio.

Le accuse, a vario titolo, sono estorsione, furto aggravato, spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni personali.