SCACCO ALLO SPACCIO

Micro spaccio itinerante: 5 arresti a Lanciano

Inchiesta dei carabinieri denominata “Pony express”

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

661

Micro spaccio itinerante: 5 arresti a Lanciano

 

LANCIANO. Dalle prime ore della mattinata odierna, è in corso un’operazione da parte dei Carabinieri della Compagnia di Lanciano per l’esecuzione di 5 provvedimenti di custodia cautelare ed altrettante perquisizioni, emessi dal GIP del Tribunale di Lanciano su richiesta della locale Procura della Repubblica.

L'operazione è il risultato di sei mesi di indagini che sono partite a seguito della commissione di un atto intimidatorio ai danni di uno degli indagati.

Le indagini hanno permesso di accertare responsabilità per oltre 200 cessioni di droghe a carico degli indagati, tutti della zona, i quali avevano creato una capillare, continua ed intensa rete di micro spaccio itinerante al dettaglio.

 Sono cinque le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Lanciano Massimo Canosa nell'ambito dell'operazione antidroga denominata 'Pony Express': sono stati arrestati il lancianese Vincenzo La Forgia, 50 anni, unico finito in carcere, mentre ai domiciliari sono finiti Nicola Coccia (43), di San Vito Chietino, Maurizia Lanci (27), di Frisa, Federico Di Sotto (36), di Fossacesia, Franco Montebello (45) di Castel Frentano. I provvedimenti cautelari sono stati chiesti dal procuratore Mirvana Di Serio.

L'attività investigativa era partita lo scorso novembre a seguito di un atto intimidatorio contro la Lanci, il cui portone di casa era stato attinto da colpi di arma da fuoco. L'indagine è stata condotta dalla compagnia carabinieri di Lanciano, coordinata dal capitano Vincenzo Orlando, e dal Norm, diretto dal tenente Massimo Canale. Nel corso di perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati 250 grammi di stupefacenti, tra cocaina, eroina, hashish e marijuana, e 11 mila euro contanti. Le indagini hanno permesso di accertare responsabilità per oltre 200 cessioni di droghe a carico degli indagati avevano creato una rete capillare e continua di spaccio itinerante al dettaglio.

Oltre cento gli assuntori interrogati per ricostruire il vasto giro di spaccio, che avveniva, oltre a domicilio, in tutte le zone centrali di Lanciano e nei comuni limitrofi. Nell'operazione sono stati impiegati 35 militari e unità cinofile. "Lo spaccio era quotidiano e avveniva nei posti più diversi per sfuggire ai controlli - dice il capitano Orlando. Fenomeno che va contrastato perché alla droga si agganciano una serie di altri reati, tra cui rapine e furti, che servono per acquistare gli stupefacenti"