LA DENUNCIA

Poste Abruzzo, Uil: «altro che esuberi, c’è carenza di personale»

Illogica posizione dell’azienda

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

203

poste

 

 

 

 

ABRUZZO. Sulla carenza di personale e sul problema del precariato in Abruzzo e Molise, le segreterie Uilposte delle due regioni hanno scritto una lettera alla direzione aziendale, a firma anche di Tiziano Del Gallo, segretario Uilposte Abruzzo, e Michele Lombardo, segretario generale Uil Abruzzo.

 

Nella missiva ricordano che, in base all’accordo nazionale riguardante le Politiche attive del lavoro sottoscritto il 12 giugno, le realtà regionali dell’Abruzzo e del Molise sono rimaste escluse.

Secondo quanto deciso da Poste Italiane S.p.a., alle stesse regioni spetterebbero zero trasformazioni, zero consolidamenti e zero mobilità, una scelta dovuta all’esubero di personale nelle suddette aree.

«Ci risulta esattamente il contrario» , segnala Uilposte, «in quanto, da lungo tempo si lamenta una atavica esiguità di personale negli uffici di cluster A2 e B, spesso lasciati senza operatori di sportello i cui direttori devono quotidianamente assolvere e coprire tutte le mansioni compresa quella dello sportellista: l’azienda dovrebbe spiegare dove esistono gli esuberi, per non parlare poi, delle illimitate ore di straordinario erogate e i continui distacchi richiesti al personale anche fuori comune, per coprire e nello stesso tempo garantire il servizio negli uffici postali. Del resto, la modalità di gestione delle ferie da parte delle filiali delle realtà regionali fa dedurre la non veridicità dell’esubero, in quanto, le stesse direzioni per ovviare a carenza di personale sono costrette a revocare le ferie inserite nella programmazione fornita dal dipendente».

In Abruzzo e Molise, inoltre, «siamo rimasti esclusi anche dall’applicazione del valido istituto della clausola elastica, che avrebbe dato l’opportunità per questa estate ai part-time di proseguire il lavoro oltre il periodo contrattuale, a copertura delle carenze di operatori di sportello durante il periodo delle ferie estive», aggiungono i sindcati.

 

Le due segreterie, poi, rimarcano che nelle due regioni durante la fase delle sostituzioni negli uffici postali, i necessari passaggi di cassa verrebbero compiuti in assenza di contraddittorio, consuetudine conosciuta dalle stesse Filiali, sempre nell’ottica di ovviare alla carenza di personale e che «nel servizio di recapito ci si imbatte in CPD, nei quali alcune zone di recapito rimangono a terra per assenza di personale pur avendo, nel proprio interno, dipendenti part-time: non si sarebbe potuto trasformare quei contratti per attutire tali carenze?»

Viene segnalata anche la carenza di personale autista.