IL BATTERIO PERDUTO

Mense Pescara, almeno 300 gli alunni intossicati: vertice in procura e ancora nessuna certezza

Risultati delle analisi non divulgati: erano previste per lunedì scorso

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1355

Mensa

 




PESCARA. Le indagini proseguono veloci e su molti fronti contemporaneamente. Ma riuscire ad identificare la causa o la fonte del ceppo batteriologico che ha determinato l’epidemia tra gli alunni delle scuole elementari comunali non è cosa facile, per diverse ragioni.
Ogni giorno saltano fuori nuove informazioni che costringono gli investigatori a fare il punto della situazione e a rivedere le posizioni iniziali.
Uno dei punti che potrebbe essere messo in crisi è che il contagio non si sarebbe verificato mercoledì o giovedì, come ipotizzato, ma anche prima, forse lunedì.
Intanto ieri si e tenuto a Pescara, un vertice negli uffici della Procura per fare il punto della situazione sul caso degli oltre 200 bambini ricoverati in ospedale, iscritti in numerose scuole della citta', colpiti da malori con sintomatologia gastrointestinale, provocati dal batterio Campylobacter.
Presenti alla riunione il procuratore capo, Massimiliano Serpi, il procuratore aggiunto, Anna Rita Mantini, la pm titolare del fascicolo, Anna Benigni, rappresentanti della Asl, dell'Istituto Superiore di Sanita' e dell'Istituto Zooprofilattico, i carabinieri forestali e i carabinieri del Nas, che si stanno occupando delle indagini.
Dall’incontro è emerso che il contagio è molto più esteso di quanto ipotizzato e potrebbe aver interessato anche 300 bambini, circa 100 mai censiti perchè rimasti comunque a casa e affidati alle cure dei medici di famiglia.
Tra le prime cose che gli investigatori hanno fatto è stata stilare una anagrafe degli scolari presenti e assenti la settimana del presunto contagio per capire quanti di quelli che hanno usufruito del servizio mensa si sono poi ammalati contemporaneamente.

Registri di classe alla mano e interrogatori a tappeto, Nas e Forestali stanno ascoltando centinaia di persone per raccogliere elementi utili per formare un gruppo di alunni che con ragionevole certezza siano stati intossicati avendo mangiato la stessa cosa e avendo accusato gli stessi sintomi.
Andando per esclusione si dovrebbe individuare il giorno preciso del contagio (ammesso che sia solo uno) per poi risalire al cibo infetto (ammesso che sia il cibo).
Alcuni genitori hanno però riferito che i propri figli hanno avuto malori già il giovedì, cioè due giorni prima che vi fosse l’emergenza ricoveri.

Questo escluderebbe il contagio avvenuto nella giornata di giovedì anche perchè alcune classi con alunni contagiati non avrebbero usufruito del servizio mensa proprio quel giorno.
Siccome il batterio ha almeno un paio di giorni di incubazione (tra i 2 ed i 5) bisogna focalizzare l’attenzione tra lunedì e martedì e controllare nel dettaglio gli alimenti somministrati.
Ulteriori difficoltà riguardano l’individuazione certa dell’alimento contagiato sia perchè nessun campione potrebbe essere stato conservato, sia perchè se conservato potrebbe non contenere più il batterio o semplicemente perchè è difficile risalire con certezza all’alimento effettivamente servito.
E’ già stato accertato in precedenti inchieste che gli alimenti forniti dalle ditte non erano sempre conformi a quelle stabilite dal capitolato e questo ora potrebbe costituire una ulteriore difficoltà.
Per questo i Nas stanno cercando di ricostruire anche tutti i contatti con i fornitori ed i fornitori dei fornitori per determinare l’origine di ogni alimento somministrato e sperare di scoprire connessioni utili a svelare il focolaio.


LE ANALISI DEI CAMPIONI
L’ulteriore difficoltà consiste poi nelle analisi dei campioni di cibo sequestrati che per legge devono essere conservati dalla ditta incaricata.

Alcuni mancherebbero, altri sarebbero stati conservati ad una temperatura che avrebbe comunque determinato la morte del Campylobacter.

Intanto tra i genitori si è diffusa una certa apprensione perchè erano in attesa dei risultati delle analisi sul cibo, risultati attesi per lunedì.

Ma dopo una settimana sono ancora segreti e questo ha fatto pensare a qualcuno che in realtà non sia stato trovato traccia del batterio incriminato.

Le analisi continuano anche sul resto del materiale sequestrato che riguarda la somministrazione, dai piatti, ai piani cottura, stoviglie, bicchieri, brocche  e altro.
Intanto  i militari del Nas, il personale alla Asl e i tecnici dell'Istituto Zooprofilattico, dopo i sopralluoghi di ieri, hanno eseguito nuove ispezioni nei centri cottura e nelle mense, prelevando il materiale che potrebbe essere utile alle indagini.
Ulteriore conferma che per ora dalle analisi il batterio non c’è.
Senza batterio, pur potendo concentrare ogni ragionevole sospetto sulla somministrazione dei pasti (avendo escluso con certezza ogni altra fonte di contagio plausibile), in un eventuale processo potrebbe essere molto più difficile riuscire a mettere sotto accusa le ditte incaricate dal Comune di Pescara.
Una cosa appare certa: l’acqua dei rubinetti delle scuole, indicate da Cir Food come possibile responsabile dell’intossicazione, è stata esclusa e per ora non si trova un comune denominatore che possa spiegare il contagio che non sia il servizio mensa.