LA SENTENZA

Semaforo trappola, automobilista perde causa contro Comune

Annullata prima sentenza dopo appello Municipio S.G. Teatino

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

795

Semaforo trappola, automobilista perde causa contro Comune

CHIETI.  Un automobilista perde la battaglia legale contro il Comune di San Giovanni Teatino (Chieti) sulla vicenda dei cosiddetti 'semafori trappola', quelli - al centro di polemiche - dotati di fototrappola in caso di passaggio con il rosso.

Il giudice monocratico del Tribunale di Chieti, Francesco Turco, ha condannato una donna pescarese, dando ragione al Comune che si era appellato contro la decisione iniziale del Giudice di Pace di annullare il verbale.

In base alla sentenza, emessa ieri, la donna dovrà rimborsare le spese processuali di entrambi i gradi di giudizio, oltre a un'ulteriore somma per la responsabilità aggravata, per un totale di circa mille euro.

I fatti risalgono all'aprile 2017.

Al centro del ricorso c'era, tra l'altro, la durata del segnale giallo, di 3,9 secondi, ma nella sentenza odierna viene sottolineato che l'automobilista aveva oltrepassato la segnaletica orizzontale con il segnale rosso attivo da 0,8 secondi e quindi a segnale giallo già terminato. La decisione del Giudice di Pace risale al luglio 2017, ma ieri il Tribunale di Chieti ha accolto l'appello del Comune, "in riforma totale" di quella sentenza.