IL FATTO

Lanciano, nuovo regolamento per la Polizia Municipale

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

227

Lanciano, nuovo regolamento per la Polizia Municipale

LANCIANO. La Polizia Municipale di Lanciano avrà un nuovo regolamento con allo studio, anche dal punto di vista della sostenibilità economica, la richiesta delle rappresentanze sindacali dei vigili urbani di dotare di pistole gli agenti. Ieri sera, infatti, il consiglio comunale ha approvato una mozione, della minoranza di centrodestra, sulla sicurezza urbana in città, regolamento e ruolo della polizia municipale.

Mozione passata con 18 voti su 19, anche del centrosinistra.

Il sindaco Mario Pupillo commenta: «saluto con soddisfazione la mozione del Consiglio Comunale che, con una condivisione quasi totale dei Consiglieri, e al termine di un proficuo e costruttivo confronto tra maggioranza e minoranza, impegna l'Amministrazione a istituire un tavolo di lavoro in cui saranno rappresentate tutte le forze consiliari per individuare percorsi e strumenti che consentano di implementare il controllo del territorio, partendo dalle azioni già messe in campo in questi anni. Mi riferisco - aggiunge Pupillo- alla videosorveglianza dei punti cruciali di ingresso e uscita dalla città, con oltre 30 telecamere tra loro connesse a servizio della Polizia di Stato, all'assunzione di due agenti di Polizia Municipale nel 2018 e altri due nel 2019, la collaborazione costante tra PM e le Forze dell'Ordine, la riqualificazione a led dei circa 6.000 punti luce sull'intero territorio per una più efficace illuminazione pubblica».

Nel corso dei lavori del tavolo sulla sicurezza sarà approfondita, anche la questione inerente la richiesta di dotare gli agenti di armamenti.  

«Sono soddisfatto che maggioranza e minoranza abbiano deciso di rendere istituzionale il confronto su un tema così delicato come quello della sicurezza urbana. Unitamente a questa iniziativa ribadisco la ferma determinazione di proseguire nell'azione a difesa dei presidi di giustizia del Tribunale in un'azione coordinata col Comune di Vasto», chiude Pupillo.