SERVIZI

Ribasso del 50% per appalto pulizie progetto Case e Map

«Condizioni di lavoro precarie e sfruttamento» denuncia De Santis

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

79

PROGETTO CASE L'AQUILA

 

L'AQUILA. Ancora problemi con il servizio di pulizia del progetto Case-Map.

Ritorna sull’argomento Lelio De Santis, capogruppo al consiglio comunale dell'Aquila di Cambiare insieme - Idv, che denuncia lo «sfruttamento dei 28 addetti», ed il possibile peggioramento della situazione.

 

L’appalto del servizio di pulizia del progetto Case infatti è stato affidato con un ribasso del 50 %.

Il progetto Case è il mega insediamento di circa 4500 alloggi prefabbricati antisismici costruito in 19 aree dell'Aquila dopo il terremoto per dare un tetto a circa 20mila sfollati.

«Nonostante il parere della relativa commissione consiliare, che si è occupata del problema, viene aggiudicata la gara per il servizio di pulizie alla ditta Cooper.Pul. di Salerno con un ribasso di circa il 50%, per un importo complessivo che evidentemente non sarà sufficiente nemmeno a pagare gli stipendi del personale - continua nella nota de Santis -. Bisogna ricordare che l'attuale ditta, consorzio Seamon, aveva avuto l'affidamento con un ribasso di circa il 41%, e non è stata in grado di onorare gli impegni contrattuali, tanto è che il Comune si sta sostituendo ad essa nel pagamento delle mensilità, con tutti i problemi ed i ritardi conseguenti».

De Santis spiega che ad oggi, i 28 dipendenti ancora non riscuotono la mensilità del mese di aprile.

 

«E' facile immaginare che succederà con il ribasso del 50%, nonostante le certificazioni e le assicurazioni della ditta: il personale vivrà una situazione di incertezza e sarà sfruttato, il servizio risulterà inadeguato, gli inquilini protesteranno e continueranno a non pagare il canone di compartecipazione relativo al servizio e l'indebitamento aumenterà».

«Si manderanno le lavoratrici ad effettuare un lavoro che verrà retribuito meno del minimo salariale oppure tout-court si taglieranno le ore alle stesse determinando al contempo una possibile violazione contrattuale?», chiede l’Ugl, Igiene Ambientale.  

Il sindacato segnala che altre discrepanze  vengono indicate in capitolato come per le dimensioni – espresse in metri quadrati – riferite alle 19 piastre dei progetti CASE indicandovi invece un valore inferiore e corrispondente a 16 piastre; delle due. «Per non parlare del disallineamento presente - sempre nel capitolato - inerente la situazione dei MAP ed altro ancora; ma tutto questo si può fare?» L’Ugl spiega che attende la nuova seduta della IIIa commissione di martedì prossimo e chiede anche al sindaco di intervenire.