TRENI

Sulmona- Carpinone: la Transiberiana tutto l'anno

Al lavoro per estendere il servizio tutto l’anno

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

374

Sulmona- Carpinone: la Transiberiana tutto l'anno

L’AQUILA. La Provincia de L’Aquila è al lavoro per far sì che la Transiberiana d’Abruzzo (ovvero la tratta ferroviaria Sulmona – Carpinone) sia attiva tutto l’anno.

 

La fondazione “Le Rotaie”, associazione che si propone di mettere in atto iniziative volte alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio ferroviario, ha iniziato, dal marzo 2012, a organizzare viaggi con treni storici sulla tratta, riscuotendo grande successo tanto che, i viaggi vanno spesso in overbooking (in eccedenza di prenotazioni) a pochi secondi dall'offerta attraverso il sito internet dell'associazione.

Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro al quale ha partecipato il presidente della Provincia: all’ordine del giorno una prosposta di istituzione di un sistema di trasporto ferroviario sulla Sulmona - Carpinone che si adegui alle richieste ed esigenze del sistema turistico dell’Alto Sangro, con particolare riferimento a quello invernale, ovvero, favorire un accesso al bacino sciistico dell'Alto Sangro con un sistema di trasporto eco sostenibile, incentivato anche da una modulo di sconto che preveda il viaggio e lo ski pass a prezzi convenzionati.

L'iniziativa ha raccolto grande interesse dei soggetti partecipanti, dalle due DMC, i Sindaci e una condivisione dei rappresentanti di Trenitalia, che intravedono nel progetto caratteristiche di sviluppo e valorizzazione di una ferrovia altrimenti inutilizzata.

Da aggiungere che tale sistema garantirebbe un collegamento  dei Comuni di Campo di Giove, Palena e Cansano con l'Altopiano delle Cinquemiglia, altrimenti quasi isolati a causa della chiusura delle strade che, nel periodo invernale, sono interessate da valanghe. Considerato il successo, sempre crescente dell'iniziativa, l'idea è quella di aumentare il numero delle corse per consentire un maggiore afflusso di turisti, nelle varie stagioni, nel territorio dell'Alto Sangro, potenziando i percorsi alternativi alle quattro ruote.

Il progetto si inserisce nella strategia di unire la “Costa dei Trabocchi” alla montagna Altosangrina attraverso l'utilizzazione della Sangritana, ferrovia che collega la costa abruzzese con la stazione di Castel di Sangro.
Il presidente della Provincia dell'Aquila Angelo Caruso ha definito questo progetto strategico per aumentare il flusso turistico nel territorio Altosangrino e l'interesse di tutti i partecipanti ha convinto ad approfondire ulteriormente le dinamiche di questa iniziativa in successivi incontri.