PROGETTI FUTURI

Masterplan Pescara: «le opere annunciate da D’Alfonso mai partite»

Forza Italia: «non esistono nemmeno i progetti»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1729

Masterplan Pescara: «le opere annunciate da D’Alfonso mai partite»

 

 

 

 

ABRUZZO. Tre dipendenti della Regione Abruzzo, con ruoli apicali, impiegati per monitorare le grandi opere finanziate con i fondi del Masterplan su Pescara.

Ma quelle opere, denuncia adesso Forza Italia, non sono mai partite, e non esistono neanche i progetti.

Per la nuova viabilità Anas per il porto di Pescara, il cosiddetto prolungamento dell’asse attrezzato, esiste solo un preliminare risalente alla prima giunta D’Alfonso, progetto teoricamente passato al Comune per competenza.

Non esistono i progetti per le nuove vasche a servizio del Parco depurativo, ci deve pensare l’Ersi; non esiste il progetto per velocizzare la linea Pescara-Roma, lo deve fare Rfi; sul porto di Pescara esiste solo l’apertura in corso della diga foranea, ma serviranno almeno altri due anni per vedere i nuovi moli, competenza Arap.

«Il tanto fumo e niente arrosto del Governatore D’Alfonso si è concretizzato oggi in Commissione Grandi Infrastrutture alla quale avevamo chiesto di invitare, due mesi fa, la responsabile del monitoraggio Marianna Di Stefano, oggi improvvisamente cessata nel ruolo per essere nominata ‘Dirigente della struttura di coordinamento e raccordo istituzionale del Presidente’, e sostituita dal Segretario particolare Enzo Del Vecchio», commenta il capogruppo di Forz Italia Marcello Antonelli.

Ma, al di là degli  avvicendamenti, il centrodestra ritiene che sia «imbarazzante»  dover constatare che «in 4 anni di governo regionale, il Presidente D’Alfonso ha fatto solo chiacchiere su opere che non si sono mai realizzate né si realizzeranno nelle ultime settimane del suo Governo».

 

Il vertice era stato chiesto due mesi fa quando il centrodestra aveva scoperto che il Comune di Pescara avrebbe dovuto pagare un proprio dipendente, Marianna Di Stefano, distaccata alla Regione Abruzzo, segreteria del Presidente, solo per monitorare l’intensa mole di lavori che il Governatore aveva presumibilmente finanziato su Pescara con fondi Masterplan.

A quel punto Forza Italia aveva chiesto che la dipendente comunale andasse a relazionare, settimanalmente, su tali opere, ma dopo due mesi quell’incarico è già cessato e oggi, a quanto pare, il suo ruolo è stato assorbito dal Segretario Del Vecchio, oltre che da un altro dipendente comunale in distacco in Regione.

 

I PROGETTI

Ma la Commissione è stata rivelatrice, una reale operazione verità: quattro i progetti Masterplan su cui Forza Italia ha chiesto di focalizzare l’attenzione, ossia la viabilità dell’Anas sul porto di Pescara, per 15 milioni di euro; i 32milioni e mezzo di euro per il Parco Depurativo; i 10milioni di euro per la velocizzazione della linea ferroviaria Pescara-Roma; e, infine, l’intervento complessivo sul porto con 3milioni e mezzo di euro destinati all’apertura della diga foranea e 15milioni di euro per generiche ‘prime opere del nuovo Piano regolatore portuale’.

Ebbene, a oggi, dei quattro maxi-progetti, non c’è nulla.

 

LA VIABILITA’ PORTUALE

Sulla nuova viabilità portuale, il Segretario Del Vecchio ha precisato che la «Regione si è impegnata fortemente già dal 2003-2004», sarebbe riuscita a far inserire ad Anas l’opera nel programma triennale delle opere pubbliche, ma le sue informazioni sono ferme all’aprile 2017, data in cui ha dismesso le vesti di assessore comunale, perché ora il fascicolo è nelle mani del Comune, quindi la Regione, da almeno un anno, ha perso le tracce dell’intervento. «Teoricamente con quei 15milioni di euro sarà possibile finanziare anche altre opere della viabilità Anas», analizza Antonelli, «quindi abbattimento dello svincolo a trombetta nella zona della pineta o la realizzazione del nuovo svincolo di Colle Caprino, ma a oggi giochiamo con la teoria».

 

 

PARCO DEPURATIVO

Zero progetti per il Parco depurativo: l’unica opera partita è quella ereditata dal centrodestra, ossia l’adeguamento del depuratore per 8milioni e mezzo di euro fondi sblocca-Italia. Fermi i progetti, che farebbero capo all’Ersi, per la costruzione delle vasche di accumulo da realizzare all’altezza della Madonnina da 10-20mila metri cubi, all’altezza dello Stadio per 5mila metri cubi, e nella zona a sud di Fosso Vallelunga. «E questa paralisi progettuale è vergognosa», sottolinea Antonelli, «visto che lo scorso febbraio, nel corso di un Consiglio comunale straordinario, il Direttore dell’Ersi, Tommaso Di Biase, venne a dirci che il progetto per la vasca della Madonnina, la più urgente per impedire gli sversamenti nel fiume a ogni pioggia e le relative ordinanze di divieto di balneazione, era pronto e sarebbe stato consegnato a giorni per andare in gara d’appalto. Dopo due mesi sappiamo che quel progetto non è mai stato presentato».

 

LA LINEA FERROVIARIA

Fermo il piano per la velocizzazione della linea ferroviaria Pescara-Roma: la Regione avrebbe stanziato 10milioni di euro, che però sono rimasti inutilizzati perché tanto l’iniziativa deve nascere da un accordo tra Ministero delle Infrastrutture e Rete Ferroviaria Italiana che a oggi non hanno redatto il progetto.

 

LA DIGA FORANEA

Infine la ciliegina sulla torta, il porto – ha proseguito il Capogruppo Antonelli -: sono in corso il taglio della diga foranea, per 3milioni e mezzo di euro fondi FSC, e la costruzione della barriera soffolta per 900 mila euro fondi del Provveditorato Ministero delle Infrastrutture. Poi però la Regione ha affidato all’Arap la progettazione dei due nuovi moli guardiani, il primo dovrebbe sorgere dove oggi sta nascendo la barriera soffolta, il secondo correrà in parallelo a sud, per 31milioni di euro complessivi, di cui 15milioni di euro fondi Masterplan e altri 16milioni di euro fondi Cipe, ma a oggi non esistono i progetti, che poi dovranno ovviamente anche essere sottoposti a Valutazione d’Impatto ambientale.

«Ciò significa, come ha confermato in Commissione lo stesso Del Vecchio- spiega meglio Antonelli- che, tra l’apertura della diga foranea e il suo utilizzo in assenza dei nuovi moli guardiani, comunque passeranno almeno due anni, proprio l’eventualità che la marineria ha chiesto di scongiurare per tutelare la sicurezza dei lavoratori nelle fasi di rientro e uscita dal porto in condizioni di maltempo. Ciononostante il Segretario Del Vecchio ha garantito personalmente la sicurezza dello scalo, in barba a decenni di studi e prove in vasca, e, anziché fare pressing sull’Arap per farsi consegnare i progetti, pensa al ripristino del collegamento marittimo con la Croazia per ‘colmare il nulla di oggi’, come ha detto in Commissione, forse però dimenticando che quel ‘nulla’ è frutto del Pd che governa Comune, Provincia e Regione».