VIAGGI E MIRAGGI

Balkan Express inserita nella black list egiziana: tutto fermo da mesi

I problemi iniziati prima di Natale non sono ancora terminati

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

969

Balkan Express inserita nella black list egiziana: tutto fermo da mesi

  


PESCARA. Balkan Express inserita nella black list egiziana.

Il 3 aprile scorso, infatti, è scattato il divieto per le agenzie egiziane di offrire servizi al tour pescarese che poco prima di Natale era stato costretto a sospendere i collegamenti con Sharm El Sheik.

Si parla di centinaia di vacanze annullate all'ultimo momento e clienti che avevano già pagato il pacchetto del volo più pernottamento.

Il caso è scoppiato il 21 dicembre scorso quando a sorpresa il tour operator ha annunciato di aver bloccato tutte le partenze «fino al prossimo 28 marzo».

In realtà la situazione è ancora bloccata e come riferiscono dall’Egitto per il momento non sono previste grosse novità. Anzi, l’inserimento nella black list non lascia presagire nulla di buono.

Abbiamo provato a contattare il tour operator di Pescara ma tutti i numeri ufficiali squillano a vuoto. Le pagine social sono ferme da mesi. Su Facebook l’ultimo messaggio risale al 2 febbraio e riguarda informazioni circa i rimborsi da parte dell’assicurazione per chi si è visto annullare la vacanza già prenotata. Le pagine Twitter ed Instagram, invece, non sono più disponibili mentre sull’account YouTube l’unico video ancora on line è uno spot di un anno fa: «a Sharm, vacanza completa da 240 euro».

Dal sito internet qualunque tipo di prenotazione è bloccata, sia per i pacchetti volo più hotel che solo volo. La pagina dedicata alle crociere segnala “programmazione non disponibile per la tipologia di prodotto selezionata”, così come se si passa alla voce ‘noleggio auto’. La pagina dedicata ai pellegrinaggi a Medugorje non è invece più disponibile.

La sezione ‘rassegna stampa’, che contiene oltre 100 articoli, è ferma al 15 dicembre 2017, prima del blocco dei viaggi.

Che cosa sta succedendo?

 



Di sicuro Balkan ha conti in sospeso con alcuni fornitori che in queste settimane stanno bussando per reclamare il dovuto, così come alcuni dipendenti che non lavorano più da un paio di mesi ma che hanno stipendi arretrati.

A febbraio scorso, dopo che del caso si era occupata anche la trasmissione Striscia La Notizia, negli uffici della società diretta da Igor Asciutto, si è presentata anche la Guardia di Finanza, segnale che sul caso si è aperta anche un’inchiesta della Procura.

 

Secondo la Balkan Express lo stop dei viaggi in Egitto sarebbe nato a causa di problemi con il fornitore a terra, ovvero la Sun Internation, una grossa società che fornisce servizi per il turismo ai grossi tour operator.

In un comunicato stampa la società egiziana aveva invece spiega «le vere ragioni»  della rottura: difficoltà nei pagamenti anticipati come pattuiti e difficoltà nei pagamenti recenti.

Non dunque un caso isolato ma l’escalation di una situazione che andava avanti da mesi.

«Balkan Express», aveva spiegato la Sun, «non vuole pagare anticipatamente  le prenotazioni del nuovo anno e ha chiesto di poterlo differire al 22 gennaio, quando ha detto che riceverà  i soldi dai rivenditori 30 giorni dopo la partenza».