PRESO

Rapina in villa a pescara Colli, arrestato bosniaco in campo rom

L’uomo è stato trovato dagli agenti del commissariato Tuscolano di Roma

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

460

Rapina in villa a pescara Colli, arrestato bosniaco in campo rom

 

 

PESCARA. È stato arrestato a Roma dagli agenti del Commissariato Tuscolano Sevko Ramovic, nato in Bosnia nel 1987, residente in un campo nomadi della capitale, pregiudicato.

 

Si tratta di uno dei componenti della banda che lo scorso 6 febbraio ha tentato una rapina in villa in zona colli di Pescara quando sono stati arrestati dalla Polizia in flagranza di reato altri due pregiudicati.

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Pescara diretta dal dirigente Pierfrancesco Muriana e coordinate dal pm Rosaria Vecchi hanno indotto il gip Nicola Colantonio ad emettere una misura cautelare in carcere per i reati di rapina e lesioni aggravate e porto non autorizzato di oggetti atti ad offendere.

Un altro destinatario dell'ordinanza è un quarto complice, pure di origine bosniaca, attualmente ricercato e forse fuggito all'estero

 

Quella mattina quattro uomini armati di cacciavite sono entrati

in azione in un'abitazione dei Colli attorno alle 8.20. Hanno malmenato il proprietario, un uomo di 43 anni che era in casa con la madre, si sono fatti aprire la cassaforte ed hanno preso oro, contanti e altri oggetti preziosi.

Lanciato l'allarme, è subito scattato il piano di emergenza e sul posto sono arrivati numerosi mezzi della Polizia, insieme all'elicottero.

Due dei malviventi sono stati presi subito. Il furgoncino usato dai rapinatori per arrivare a Pescara è stato rintracciato poco distante ed è risultato essere intestato ad un moldavo.

Determinante, subito dopo la rapina, è stato l'intervento del vice dirigente della Squadra Mobile, Dante Cosentino, libero dal servizio. Si trovava a passare proprio nella zona e ha individuato, bloccandolo, uno dei due rapinatori che si era nascosto in un casolare abbandonato nelle vicinanze.