BANDI COI FIOCCHI

Spazzaneve Pietracamela, l’appalto al marito del vicesindaco nella gara ristretta

Comuni corrono ai ripari per non rivivere l’incubo dell’anno scorso

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

942

Spazzaneve Pietracamela, l’appalto al marito del vicesindaco nella gara ristretta

 

 

PIETRACAMELA.  E’ arrivata la prima neve sull’Abruzzo e un’allerta meteo è stata diffusa per le prossime ore.

Sono ancora drammaticamente vive nei ricordi di tutti le scene apocalittiche dell’anno scorso e la speranza è che la macchina organizzativa funzioni meglio.

Ieri pomeriggio il presidente della regione, Luciano D’Alfonso, ha fatto il punto della situazione con rappresentanti delle Province e delle Prefetture per conoscere il numero di uomini e mezzi a disposizione in caso di emergenza.

Come sempre la situazione è delicata e i Comuni, soprattutto i più piccoli, devono fare i conti con le casse vuote.

Proprio D’Alfonso ha riferito che solo la metà delle amministrazione comunali che ne hanno fatto richiesta hanno ricevuto gli indennizzi previsti, gli altri hanno inviato documentazione carente. I soldi ci sono e dovranno provvedere a sistemare le carte.

Intanto in queste ore sta già nevicando a Pietracamela, comune sopra i mille metri nella provincia di Teramo, dove l’anno scorso la neve arrivò a misurare quasi due metri. Decine le famiglie imprigionate in casa senza elettricità.

A tenere le strade sgombre, così come l’anno scorso, dovrà pensarci la ditta D’Abbondanza Legnami, il cui titolare è il marito del vicesindaco Federica Intini. Nessuno solleva problemi di incompatibilità, per carità «fa piacere che lavori una ditta del territorio», dicono in paese, ma facendo dei calcoli è semplice valutare come la cifra per tenere le strade pulite sia lievitata negli anni.

Come fa notare il consigliere comunale di minoranza Corrado Bellisari, «si è passati dai circa 40 euro l’ora del 2013 ai 100 orari di oggi».

In queste ore nel piccolo comune la neve sta già scendendo, le strade sono abbastanza pulite. Ieri con un paio di centimetri per terra la ditta era già al lavoro. Stamattina a terra di centimetri di neve ce ne sono circa 20 e le strade sono tutte percorribile. Il grosso delle precipitazioni si aspetta tra domenica e lunedì.

La ditte è stata selezionata con una gara pubblica che però sarebbe state eccessivamente ristretta a dispetto di quello che suggerisce il codice degli appalti che impone la partecipazione al maggior numero di ditte per poi spuntare il prezzo maggiore.

Tra i requisiti del bando, infatti, c’era quello di aver già lavorato per il Comune nei due anni precedenti e per almeno due mesi.

Oltre alla D’Abbondanza Legnami un’altra ditta che però non l’ha spuntata. Tutte le altre ditte della provincia sono rimaste fuori.

Il prezzo, poi, si compone di due componenti: una parte fissa e una quota che poi verrà pagata ad effettivo orario lavorativo.

La quota fissa è stata stabilita in 5.900 euro che servono per affittare e ‘bloccare’ il mezzo della società sul territorio per tutto il periodo necessario. In questo caso la ditta ha gioco facile dal momento che il suo mezzo è stabilmente parcheggiato nella frazione Intermesoli di Pietracamela e non deve arrivare da fuori. Bellisario ricorda però che l’anno scorso la ditta non garantì lo stazionamento del mezzo perché, vista l’emergenza, il mezzo venne richiamato per varie emergenze da prefettura ed Enel.

Il Comune sborsò comunque per intero la quota fissa. Si spera che quest’anno non ci siano altre emergenze di quel tipo. La quota variabile stanziata per il momento è di 16 mila euro che dovranno servire per il pagamento orario.

Il Comune di Pietracamela ha deciso pure di impegnare altri 20 mila euro per lo spalamento manuale dei centri storici da liquidare agli operatori di volta in volta .