IL PROCESSO

Omicidio Vasto: Appello, perizia psichiatrica per Di Lello

Decisione oggi in prima udienza, la prossima il 24 maggio

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

765

Omicidio D’Elisa, l’accusa: «nessuna attenuante, ergastolo per Di Lello»

L'AQUILA. La Corte d'Appello dell'Aquila ha nominato il perito Renato Ariatti, psichiatra di Bologna, per effettuare una perizia psichiatrica sul panettiere vastese Fabio Di Lello, accusato di aver ucciso il primo febbraio 2017, davanti a un bar di Vasto, a colpi di pistola il 21enne Italo D'Elisa e per questo condannato in primo grado a 30 anni di carcere. La decisione è stata presa nel corso della prima udienza del processo di appello che si è svolta all'Aquila. Il perito dovrà verificare se Di Lello fosse in grado di intendere e di volere.

I legali di Di Lello, condannato per omicidio volontario premeditato, mirano a dimostrare che l'omicidio del giovane non fu un atto premeditato, ma legato a un raptus per vendicare la morte della moglie, Roberta Smargiassi, investita da D'Elisa nel luglio 2016 a Vasto. La prossima udienza è stata fissata al 24 maggio prossimo. La perizia dovrà essere consegnata entro il 20 maggio.