RUSPE IN AZIONE

L’ecomostro nel cimitero dell’Aquila sarà abbattuto

Opera incompleta da 30 anni

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

95

L’ecomostro nel cimitero dell’Aquila sarà abbattuto

 

L’AQUILA. Sarà abbattuto il complesso dei loculi incompleto da 30 anni all’interno del cimitero monumentale dell’Aquila. Lo ha reso noto l’assessore alle Opere pubbliche, il vice sindaco Guido Quintino Liris, precisando che, per questa operazione, verrà utilizzato uno stanziamento di 250mila euro.

«Sparirà un vero e proprio ecomostro – ha commentato Liris – che deturpava il cimitero del capoluogo da tre decenni. Una struttura mai ultimata: la sua eliminazione restituirà una nuova dignità al Monumentale della città».

«Da 30 anni questo scempio è sotto lo sguardo di tutti – ha proseguito il vice sindaco – in particolare di coloro che si recano a fare visita ai propri defunti. Si tratta del loculario da 2000 salme i cui lavori, per varie vicissitudini, non sono mai giunti a compimento, generando così un mostro di cemento incompatibile con un luogo che dovrebbe invitare al raccoglimento ed alla memoria».

Liris ha precisato che l’abbattimento del loculario in questione si è rivelata l’unica strada possibile, «visto che nel corso degli anni – ha aggiunto – è stato classificato da apposite perizie tecniche come non collaudabile né tantomeno modificabile; queste perizie ne hanno comprovato l’impossibilità al recupero secondo le vigenti normative di progettazione cimiteriale».

«Il percorso amministrativo per raggiungere questo risultato non è stato semplice – ha concluso il vice sindaco – in quanto si è dovuta individuare la corrispondente copertura di spesa su un apposito capitolo di bilancio, ma le evidenti motivazioni di decoro hanno fatto sì che venisse ben compresa l’importanza e l’urgenza della demolizione. Questo è solo il primo atto in vista di una riorganizzazione complessiva dell’area cimiteriale, che verrà effettuata in accordo con l’assessore alla Gestione dei cimiteri, Emanuele Imprudente».