CIVETA NON LO SA

Discarica Cupello: «la Regione denunci il caso alla Procura»

La richiesta arriva dal Forum dell’Acqua

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

150

Discarica Cupello: «la Regione denunci il caso alla Procura»

 

ABRUZZO. Quarta discarica da 455.000 mc a Cupello, La Cupello Ambiente srl ha chiesto la  sospensione/chiusura dell'avvio del procedimento. Storia chiusa ed ‘equivoco’ superato?

Nient’affatto perché adesso il Forum H2O, che  aveva sollevato il caso, chiede a Regione e Commissario di procedere ad una segnalazione alla Procura di Vasto e agli ordini professionali.

«Non si ripresenti il progetto tramite una mera sbianchettatura, un'altra discarica non serve», dicono dall’associazione.

Il Forum aveva evidenziato questioni gravissime sulla vicenda del progetto per la quarta discarica a Cupello e ora la Regione chiarisce che  il proponente, la Cupello Ambiente srl, ha richiesto la sospensione/chiusura dell'avvio del procedimento.

«Pur esprimendo soddisfazione per il momentaneo successo», spiega Augusto De Sanctis, «rileviamo che a nostro avviso quanto accaduto è del tutto inaccettabile, con un tentativo di realizzare una discarica privata su terreni del consorzio pubblico ignaro dell'avvio della procedura e con i documenti progettuali fuorvianti. Elaborati su elaborati in cui era evidenziato che la discarica sarebbe stata a servizio del Consorzio, senza uno straccio di affidamento».

Su questo fatto, secondo l’associazione,  non si può certo passare sopra "sbianchettando" gli elaborati per ripresentare il progetto.

La richiesta al Commissario del Consorzio e il Dirigente del Servizio VIA della Regione è di procedere ad una segnalazione alla Procura di Vasto e agli Ordini professionali degli estensori dello Studio di Impatto Ambientale per le loro opportune valutazioni.

«Bisogna chiarire il contesto da cui è nata questa iniziativa unilaterale, anche perchè non è che nelle procedure di VIA i cittadini devono stare lì a cercare negli studi addirittura notizie non veritiere», insiste il Forum. «E' compito dei professionisti e dei funzionari pubblici deputati al controllo assicurare che almeno le informazioni descrittive sul progetto siano affidabili. Abbiamo evidenziato ai rispettivi uffici questi aspetti anche verbalmente ieri ed oggi. Inoltre ribadiamo l'inopportunità di una nuova discarica del privato nell'area quando bisogna puntare su riciclo e riutilizzo dei rifiuti».