NUMERI E SOLDI

La Sevel fa volare il porto di Vasto: +37%

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

407

La Sevel fa volare il porto di Vasto: +37%

VASTO. Ancora numeri gratificanti nel primo semestre per il porto di Vasto.

Nel primo semestre del 2017 sono giunte in porto 76 navi mercantili (71 nel 2016 e 61 nel 2015) e sono state movimentate 325.500 tonnellate di merci e prodotti vari (262.800 sbarcate – 62.700 imbarcate) con un incremento del 37% in confronto allo stesso periodo del 2016 (237.000 t) e 76% rispetto al 2015 (185.000 t).

L’innovazione dei nuovi traffici e l’incremento dei precedenti danno il loro frutto.

Da rilevare la movimentazione dei furgoni Sevel imbarcati: ben 3020 con un progresso del 46% rispetto al 2016 (2070 furgoni) e dell’11% rispetto al boom del 2015 (2730 furgoni).


Inoltre la capitaneria di porto segnala che che nella giornata di ieri è iniziato il dragaggio dell’avamporto.

Un intervento a costo zero per il porto dovuto alla estrema “bontà” delle sabbie presenti che verranno utilizzate per il ripascimento degli arenili di Casalbordino.

Un totale di quasi 20.000 m3 verranno rimossi dal canale di ingresso al bacino portuale e garantiranno migliori condizioni di sicurezza e manovrabilità delle navi in ingresso e uscita.

«Per quanto riguarda il prossimo futuro e sempre al fine di garantire le migliori condizioni di sicurezza per il porto», spiegano ancora dalla Capitaneria di Porto, «nei prossimi giorni inizieranno le operazioni di sostituzione dei fanali verde e rosso che garantiranno una migliore e più efficiente visibilità dell’imboccatura portuale di notte nonché un notevole risparmio energetico essendo tali fanali alimentati ad energia solare».

Nel frattempo si stanno ponendo le basi, insieme all’Amministrazione Comunale, per un nuovo progetto, finanziato con i fondi FEAMP 2014/2020 dell’Unione Europea ed in linea con le previsioni del Piano Regolatore Portuale approvato, che dovrebbe garantire un intervento straordinario di rimodulazione e rafforzamento della massicciata frangiflutti sulla banchina di Levante al fine di assicurare una maggior sicurezza della banchina stessa e delle unità da pesca ivi ormeggiate.