SCACCO ALLO SPACCIO

Sant’Omero. Spaccio nel parcheggio dell’ospedale: arrestati 4 albanesi

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

165

Carenza personale all’ospedale di Sant’Omero: fallito il tentativo di conciliazione

Ospedale Sant'Omero


TERAMO. Dietro la frase "viene papà", pronunciata al telefono, si celava il via libera alla fornitura di cocaina o hashish, a seconda dell'ordine, che veniva gestita da padre e due figli di nazionalità albanese, con la complicità di un quarto soggetto, un 42enne di Sant'Omero.

Tutti molto ben inseriti sul mercato se è vero che il traffico scoperto dai carabinieri del Nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Teramo, diretti dal capitano Roberto Petroli e coordinati dal procuratore Antonio Guerriero, aveva fruttato nel corso dell'ultimo anno qualcosa come 300mila euro di ricavi.

I quattro sono stati arrestati nella notte, nell'operazione condotta dai militari teramani e da quelli della Tenenza di Borgomanero (Novara) dove il padre e uno dei due figli si erano nel frattempo trasferiti, da San Nicolò a Tordino, nel comune di Teramo, dove il nucleo risiedeva da tempo. Il 42enne è stato immortalato mentre cedeva la droga nel parcheggio dell'ospedale Val Vibrata di Sant'Omero.

L'inchiesta, partita sulle tracce dei tre albanesi, già noti alle cronache per precedenti specifici e noti per il loro spessore criminale e i tanti contatti sul territorio, ha portato all'individuazione del santomerese, al quale vengono attribuite attività di spaccio in zona: le riprese delle telecamere di sorveglianza, ma soprattutto le intercettazioni ambientali dei carabinieri e le testimonianze dei clienti, lo hanno immortalato mentre cedeva lo stupefacente nel parcheggio dell'ospedale Val Vibrata di Sant'Omero e spesso a diversi minorenni. L'attività degli albanesi e del quarto uomo arrestati su disposizione del gip del tribunale di Teramo con ordinanza di custodia cautelare in carcere, che si svolgeva prevalentemente tra Sant'Omero, Bellante e l'hinterland teramano, viene definita dalla procura "ben organizzata e allarmante"