L'AQUILANA

L’aquilana Gabriella Di Michele nuovo direttore generale dell’Inps

Il suo nome era stato indicato da Boeri

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

815

L’aquilana Gabriella Di Michele nuovo direttore generale dell’Inps

L’AQUILA. L’Inps ha un nuovo direttore generale, Gabriella Di Michele, 57 anni, aquilana, attuale responsabile delle Entrate dell’Istituto e vicepresidente di Equitalia. Il ministro Giuliano Poletti ha firmato il decreto di nomina.

Di Michele arriva alla guida della tecnostruttura dell'Istituto di previdenza in un momento particolarmente delicato caratterizzato dal contrasto tra il presidente e una parte della dirigenza a causa della riorganizzazione voluta dallo stesso Boeri.

Il presidente dell'Inps in una nota «augura buon lavoro a Di Michele e ringrazia il direttore generale facente funzioni Vincenzo Damato per l’ottimo e apprezzato lavoro svolto in questa difficile fase di transizione».

Di Michele nel 1985 è diventata funzionario Inps, nel 1994 dirigente di seconda fascia.

Dal 1994 al 1999 ha assunto l’incarico di dirigente di area provinciale a L'Aquila, riscossione contributi e vigilanza.

Dal 2000 al 2004, invece, dirigente delle aree regionali d'Abruzzo con anche la funzione manageriale di responsabile del patrimonio.

Dal 2002 al 2008 ha partecipato attivamente alla realizzazione di molti progetti nazionali (Benchmarking di lavoratori autonomi, DURC interno e progetto recupero crediti).

Nel 2004 è diventata direttore della sede di Teramo, nel 2007 direttore della sede di L'Aquila e un anno più tardi direttore regionale Lazio.

Dal 2014 era direttore centrale Entrate mentre nel biennio 2015-2016 è stata consigliere di amministrazione e vicepresidente di Equitalia spa.

Senza la nomina del direttore generale la procedura per la riorganizzazione dei dirigenti dell’istituto, che secondo la riforma Boeri dovevano decadere tutti il 31 dicembre e sottoporsi a una valutazione per la conferma o l’attribuzione di un nuovo incarico, non si sarebbe potuta completare.

Spetta infatti al direttore generale la proposta sugli incarichi